Celebrato a Biancavilla il 1° centenario dalla prima apparizione della Beata Vergine Maria a Fatima (13 maggio 1917-2017).

Redazione SME

Ieri sera, nella Basilica Santuario di S. Maria dell’Elemosina, una S. Messa solenne (nella V Domenica di Pasqua) ha ricordato l’evento mariano in comunione spirituale col Santo Padre Francesco in visita apostolica in Portogallo e con i maggiori santuari mariani del mondo.

Al termine della liturgia è stato pronunciato l’atto di consacrazione al Cuore immacolato di Maria dinanzi la prodigiosa Icona della Vergine SS.ma dell’Elemosina esposta all’altare maggiore.

Alla celebrazione, presieduta dal prevosto don Pino Salerno erano particolarmente presenti i membri dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”, i giovani Ministranti e alcuni gruppi di catechesi dell’iniziazione cristiana. La liturgia è stata animata dalla stessa aggregazione mariana con all’organo il M° Vincenzo Benina.

Di mattina, invece, nella grande celebrazione eucaristica a Fatima, il Santo Padre ha sottolineato come: “Sotto la protezione di Maria, siamo nel mondo sentinelle del mattino che sanno contemplare il vero volto di Gesù Salvatore, quello che brilla a Pasqua, e riscoprire il volto giovane e bello della Chiesa, che risplende quando è missionaria, accogliente, libera, fedele, povera di mezzi e ricca di amore”.

Continuando il suo messaggio, il papa, ha inoltre ribadito come la Madre del Signore sia una Madre a cui il credente può “aggrapparsi” perché così può vivere della speranza che poggia su Cristo Gesù. Come esempi di vita vissuta nella luce divina, sono stati presentati i nuovi canonizzati: S. Francesco e S. Giacinta Marto, che insieme a Suor Lucia, la Vergine Maria ha introdotto nel “mare immenso della Luce di Dio” portandoli ad adorarlo.

“La presenza divina divenne costante nella vita dei nuovi santi – ha ancora  sottolineato Francesco nell’omelia – come chiaramente si manifesta nell’insistente preghiera per i peccatori e nel desiderio permanente di restare presso “Gesù Nascosto” nel Tabernacolo”.

 

Commenti

commenti