Pellegrinaggio Acese alla Madonna dell’Elemosina

Circa 100 Pellegrini da Acireale e dintorni hanno visitato la Basilica Santuario di Biancavilla e pregato davanti l’Icona prodigiosa della Madonna dell’Elemosina. Ammirata anche piazza Roma con i suoi monumenti neobarocchi.

Nel pomeriggio di ieri, venerdì 22 giugno, è giunto in pellegrinaggio alla Madonna dell’Elemosina un nutrito gruppo di circa 100 fedeli appartenenti alle Comunità parrocchiali del 1° Vicariato diocesano “Acireale II”, guidato dai vari parroci con a capo il Vicario foraneo don Alfredo D’Anna. Oltre ad alcune parrocchie del centro, sono giunti i fedeli delle frazioni di S. Giovanni Bosco, Guardia, Pozzillo, Stazzo, Scillichenti, S. Tecla, Mangano e S. Maria La Scala. I pellegrini sono stati accolti sul Sagrato del Santuario dal prevosto, don Pino Salerno e da diversi membri dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”. Entrati in Basilica, hanno ammirato la bellezza e la vastità dell’edificio sacro e presso l’Icona della Madonna dell’Elemosina, temporaneamente esposta all’altare maggiore, hanno compiuto un primo atto di devozione e omaggio.

Accomodati sulla navata centrale, hanno quindi ricevuto il saluto di benvenuto e alcuni cenni storico/spirituali. A seguire, ha avuto luogo la S. Messa (votiva della Madonna dell’Elemosina). La concelebrazione eucaristica è stata presieduta dal sacerdote Mario Arezzi che nella sua omelia ha invitato tutti a guardare il Cristo, salvatore del mondo, con gli occhi limpidi di Maria. Dopo l’Eucarestia i fedeli si sono ancora una volta raccolti ai piedi dell’Icona della Madonna dell’Elemosina per il canto dell’antifona “Salve Regina”.

Il tour successivo all’interno della Basilica,  ha compreso la visita della settecentesca Cappella di S. Placido, della Sacrestia monumentale dove sono esposti doni e documenti dei Papi Francesco, Benedetto XVI e Giovanni Paolo II e della Sacrestia antica, dove si ammirano gli arazzi sette/ottocenteschi ricamati.

Biancavilla: Nata l’Associazione “Arbëreshë

Cartolina d’epoca, Arrivo dei Padri-Miracolo del fico. Biancavilla, Basilica Santuario di S. Maria dell’Elemosina. 

Con la sottoscrizione di 14 soci fondatori e l’iscrizione al “registro delle entrate”, è nata a Biancavilla l’Associazione culturale “Arbëreshë”, per rievocare e tenere viva l’origine greco-albanese della comunità Biancavillese. L’aggregazione è sorta da un’idea di Graziella Milazzo, condivisa da Giuseppe Santangelo e Giuseppe Marchese dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”, nell’anno che ricorda il 70° anniversario dell’incoronazione dell’Icona della Madonna dell’Elemosina con decreto Vaticano (1948-2018) e nella memoria dei 550 anni dalla morte dell’eroe-condottiero albanese, Giorgio Castriota “Scanderbeg” (1468-2018). Il sodalizio si è riunito nei locali della Basilica di Biancavilla, ed è costituito dai soci fondatori: Elena Bonanno, Franca Calì, Pietro Finocchiaro, Francesco Floresta, Giuseppina Ingrassia, Flavia La Cava, Rosa Lanza, Giuseppe Marchese, Graziella Milazzo, Alessandra Privitera, Luigi Privitera, Carmela Sangiorgio, Elsa Sangiorgio e Giuseppe Santangelo.  A questi potranno unirsi quanti hanno a cuore – come detto – il desiderio di tenere viva la genesi della comunità locale. Tra le iniziative in programma della neonata associazione vi sono delle rappresentazioni storiche “Arbëreshë”.

 

L’OMAGGIO ALLA MADONNA DELL’ELEMOSINA DEL NEOSINDACO

Il neo eletto sindaco di Biancavilla Antonio Bonanno, accompagnato dalla moglie, questa sera in Basilica Santuario con un gesto di devozione ha omaggiato l’Icona della Vergine SS. dell’Elemosina, protettrice della città.

La Vergine della Misericordia ispiri l’azione di quanti hanno responsabilità di governo nella comunità, perché sia promosso il bene comune.

Pag. 112345...Ultima »

Live streaming

Calendario Associativo 2017-2018

Via Misericordiae

Apri il sito

Ottobre Sacro

lagrandefestaestiva.it

madredimisericordia.it

Il Giubileo della Misericordia a Biancavilla

Traduci

Instagram

Archivio