La Madonna dell’Elemosina pellegrina a Ognina – Catania

di Giuseppe Sant’Elena

Tripudio di fedeli ieri pomeriggio a Catania, presso la parrocchia di San Giuseppe in Ognina, per accogliere la Sacra Icona di Maria SS. dell’Elemosina, Madre della Misericordia, presenza fortemente voluta dal novello parroco, P. Luca Frontali L.C. e dal comitato dei festeggiamenti, per la festa del Patriarca San Giuseppe 2017.

La Madre della Misericordia, accompagnata dal prevosto don Pino Salerno e da una rappresentanza dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”, è giunta nella parrocchia catanese precedendo l’arrivo del reliquiario della Madonna delle Lacrime proveniente da Siracusa.

“Misericordia, ossia tendere alla carità e vivere in nome dell’amore, e Pianto, scaturito dalla mancanza di carità e di amore dell’uomo verso il suo prossimo, oggi si intersecano insieme, nel nome di Maria, per farci riflettere sul percorso da fare nella nostra vita, da cristiani e da figli di una Madre che ci porta a Cristo, frutto del Suo seno”.

Sono state queste le parole all’inizio dell’omelia di don Pino, particolarmente commosso nel presiedere l’Eucarestia in quella che è stata la Parrocchia dell’inizio della sua esperienza pastorale da sacerdote nella diocesi di Catania.

La Sacra Icona della Madonna dell’Elemosina rimarrà alla venerazione dei fedeli catanesi oggi, 14 marzo, con una Celebrazione Eucaristica presieduta dal vicario generale dell’Arcidiocesi, mons. Salvatore Genchi, e domani, 15 marzo, con una processione dell’Icona e del reliquiario della Madonna delle Lacrime attorno al popoloso rione “Ognina” di Catania. L’Icona, giovedì 16 rientrerà in Santuario.

Maria Grazia La Delfa contempla il volto di Dio

“Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio,
nessun tormento le toccherà” (Sap 3,1)

L’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”
affida alla misericordia di Dio
l’anima della consorella Maria Grazia La Delfa,
che oggi ha concluso la sua vita terrena.

Maria Grazia ha vissuto una vita dedicata alla sua famiglia,
illuminata da una fede forte e luminosa.
Il suo carattere mite, il suo sorriso, la sua disponibilità
al servizio e la generosa disponibilità nella Comunità
restano per tutti esempio di umanità vera e di fede sincera.
Nell’Associazione Maria Grazia si è distinta per le zelo
nel diffondere la devozione alla Madonna dell’Elemosina
e per aver favorito in silenzio varie iniziative caritative.
La Vergine Maria, Madre della Misericordia,
che in vita ha pregato con devozione e amore,
La accolga nel Regno della beatitudine
e la ricompensi per tutto il bene da lei seminato in terra.
Il Presidente, il Consiglio Direttivo, i Soci.

La S. Messa e il Rito esequiale
avranno luogo domani, martedì 14 marzo alle ore 15,30
presso la Basilica Santuario di S. Maria dell’Elemosina.

Cooperatori salesiani di Bronte in visita al Santuario mariano biancavillese.

Redazione SME

Sono stati accolti questa mattina, domenica 12 marzo, nella Basilica Santuario di S. Maria dell’Elemosina, un gruppo di Cooperatori Salesiani brontesi, riuniti nell’Istituto “M. Ausiliatrice” di Biancavilla, assieme al gruppo locale per il loro consueto ritiro quaresimale. A guidare il gruppo, il sacerdote don Francesco Bontà SdB che ha tenuto una meditazione spirituale sul Vangelo della Trasfigurazione del Signore. In Santuario, i fedeli, giunti come pellegrini, hanno venerato l’Icona della Vergine dell’Elemosina, appreso la secolare storia di fede e devozione del Popolo biancavillese verso la Madre della Misericordia e visitato l’intero complesso basilicale con la cappella affrescata di S. Placido e le due Sacrestie.

“La Parola è un dono. L’altro è un dono”. Primo sabato in Santuario con la Madonna dell’Elemosina

Oggi, sabato 4 marzo, primo sabato di mese, l’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”, si è riunita per il consueto incontro spirituale e formativo. Alle ore 18,30 ha partecipato alla S. Messa, mentre successivamente ha preso parte al momento formativo curato dal Prevosto-Assistente, don Pino Salerno. Tema della serata, oltre a quello previsto nella liturgia della I Domenica di Quaresima, la presentazione del Messaggio di Papa Francesco per la Quaresima 2017 dal titolo “La Parola è un dono. L’altro è un dono”, all’interno del quale il Santo Padre si sofferma sull’accoglienza e sul donarsi gli uni agli altri.  Chi ci viene incontro, soprattutto se debole, scrive il Papa, «merita accoglienza, amore, rispetto» perché l’altro, per noi, è un dono e noi siamo chiamati allo stesso tempo a donarci, per poter «vivere e testimoniare in pienezza» il senso del tempo pasquale.

Il Papa ha preso spunto dal Vangelo di Luca, in particolare dalla parabola dell’uomo ricco e del povero Lazzaro. Proprio quest’ultimo «non è anonimo, ha tratti ben precisi e si presenta come un individuo a cui associare una storia personale. Mentre per il ricco egli è come invisibile, per noi – scrive il Papa – diventa noto e quasi familiare, diventa un volto; e, come tale, un dono, una ricchezza inestimabile». Per questo motivo nella parabola la figura del povero non è un «fastidioso ingombro», ma è un invito che Cristo ci fa a convertirci e cambiare vita. Ecco quindi – prosegue il Papa – che «la Quaresima è un tempo propizio per aprire la porta ad ogni bisognoso e riconoscere in lui o in lei il volto di Cristo.

Ognuno di noi ne incontra sul proprio cammino». Al contrario di quanto fatto col povero, «la parabola è impietosa nell’evidenziare le contraddizioni in cui si trova il ricco». Questo personaggio – spiega Francesco – non ha un nome, è qualificato solo come “ricco” e si può vedere «drammaticamente la corruzione del peccato». Da qui il monito a non essere prigionieri del denaro, che «non lascia spazio all’amore e ostacola la pace». Il denaro, scrive il Papa citando l’apostolo Paolo, rappresenta «la radice di tutti i mali» ed è dunque capace addirittura di dominare gli uomini, fino a «diventare un idolo tirannico». In realtà i soldi sono importanti e necessari, ma solamente per «compiere il bene ed esercitare la solidarietà con gli altri». Il troppo attaccamento al denaro e alle cose materiali – prosegue il Papa nel suo messaggio –  porta l’uomo ad essere prigioniero della sua «esteriorità, della dimensione più superficiale ed effimera dell’esistenza» e quindi a pensare solo al proprio ego, dimenticandosi degli altri. «Il frutto dell’attaccamento al denaro è dunque una sorta di cecità: il ricco non vede il povero affamato, piagato e prostrato nella sua umiliazione».

L’unica soluzione per venire fuori da questo «degrado morale» è seguire la Parola di Dio, l’unica «forza viva», come ha sottolineato il Pontefice, capace di far convertire i cuori e di «orientare nuovamente la persona verso Dio». Papa Francesco evidenzia il senso della Quaresima, che è il «tempo favorevole per rinnovarsi nell’incontro con Cristo vivo nella sua Parola, nei Sacramenti e nel prossimo» ed invoca poi la grazia dello Spirito, affinché «guidi a compiere un vero cammino di conversione, per riscoprire il dono della Parola di Dio, essere purificati dal peccato e servire Cristo presente nei fratelli bisognosi». L’incontro si è concluso pregando la Vergine SS.ma, affinché guidi i suoi figli alla meta pasquale corroborati dalle pratiche quaresimali incentrate sulla preghiera, sul digiuno e sulle opere di carità fraterna.

Sabato 4 Marzo – 1° SABATO DI MESE in Santuario

Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”

Basilica Santuario di Biancavilla

ore 18,00 S. Rosario con meditazioni sulla “Grande promessa” di N. S. di Fatima, nell’anno centenario delle apparizioni.

ore 18,30 Celebrazione Eucaristica all’altare della Madonna dell’Elemosina.

Preghiere di intercessione alla Vergine SS.ma secondo le intenzioni proposte dal Santo Padre per il mese di Marzo 2017:

– Per l’Evangelizzazione:  Per i cristiani perseguitati, perché sperimentino il sostegno di tutta la Chiesa nella preghiera e attraverso l’aiuto materiale.

– Dei Vescovi:  perché le comunità e le associazioni riscoprano la gioia e la forza della testimonianza.

ore 19,15 Incontro formativo – Lectio Divina sul tema: “Gesù digiuna per quaranta giorni nel deserto ed è tentato” (Mt 4,1-11).

Pag. 312345...Ultima »

Calendario Associativo

Sotto la tua protezione – Calendario 2017

madredimisericordia.it

lagrandefestaestiva.it

Traduci

Archivi