Due giorni di spiritualità in preparazione alla Pasqua del Signore. Sabato scorso la Via Matris, Domenica il ritiro dell’Associazione.

Redazione SME

imagesHD6U3SW5Fine settimana di intensa spiritualità vissuto dall’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” il 7 e l’8 marzo scorsi. La “due giorni di preghiera” in preparazione alla Pasqua di Resurrezione del Signore Gesù, è stata aperta con la S. Messa del Icona%20dello%20Sposoprimo sabato di mese, celebrata in Basilica presso l’altare della Madonna dell’Elemosina nella quale sono stati ricordati due Sodàli recentemente scomparsi: Maria Elemosina Currò e Andrea Laudani. A seguire, è stata pregata la pratica devozionale della “Via Matris”, il “Cammino di prova” di Maria nel suo pellegrinaggio di fede, lungo l’arco della vita del suo Figlio e sigillato in sette stazioni: la rivelazione di Simeone (Lc 2,34-35); la fuga in Egitto (Mt 2,13-14); lo smarrimento di Gesù (Lc 2,43-45); l’incontro con Gesù sulla via del Calvario; la presenza sotto la croce del Figlio (Gv 19,25-27); l’accoglienza di Gesù deposto dalla croce (Mt 27,57-61); la sepoltura di Cristo (Gv 19,40-42). I testi, sono stati elaborati dall’Associazione mariana e modellati su quelli recitati in Vaticano, in occasione della Giornata Mariana Mondiale con papa Francesco nell’Ottobre 2013. Nutrita e devota la partecipazione dei fedeli raccolti ancora una volta ai piedi dell’Icona benedetta della Vergine SS. dell’Elemosina.

11039985_10205018606016896_2071444473_nDomenica 8, terza di Quaresima, è stato vissuto un intenso  ritiro spirituale. Dalle ore 15,30, presso la locale casa delle Figlie di S. Angela Merici (Orsoline), i membri dell’Aggregazione Mariana si sono radunati per l’ascolto della Parola di Dio, l’adorazione eucaristica e il Sacramento della riconciliazione. Dopo aver invocato lo Spirito Santo, a tenere la Lectio Divina sul Vangelo del giorno (Gv 2,13-25)  è stata Suor Maria Grazia Tripi F.M.A.,responsabile del Servizio Comunicazioni dell’Ispettoria Sicula “M. Morano” delle giordano-gesu-scaccia-i-mercanti-dal-tempioSalesiane di Don Bosco. La religiosa, invitata proprio per valorizzare l’anno della Vita Consacrata, nel giorno tradizionalmente dedicato alla festa della donna, ha messo in luce come tutte le celebrazioni della Quaresima tendano alla rievocazione del mistero pasquale. “Dio – ha detto Suor Maria Grazia – ha mandato suo Figlio perché il mondo fosse riconciliato con lui, per farci rinascere ad una nuova vita in lui. Eppure, a volte, l’uomo accoglie tutto ciò con eccessiva disinvoltura. Proprio come per i mercanti del tempio, la religione sembra avere poco a che vedere con la gloria di Dio o la santità alla quale il cristiano è chiamato”. Al termine della Lectio, una breve pausa con the e biscotti ha chiuso la prima parte del ritiro, ripresa alle ore 17,00 con l’Adorazione eucaristica vissuta in silenzio sublime; nel frattempo è stato possibile  accostarsi al Sacramento della Penitenza grazie alla disponibilità del confessore, P. Umberto Napoli O.F.M. Alle ore 18,00 la preghiera comunitaria è ripresa con la celebrazione in canto dei Vespri della Domenica, presieduti dal Prev. Don Pino Salerno, Assistente spirituale dell’Associazione. Dopo la benedizione 11056800_951864934825944_1737342511_neucaristica, il gruppo di fedeli associati si è spostato in Basilica Santuario in forma di processione penitenziale (con antifone e canti), per prendere parte   alla Celebrazione eucaristica vespertina che ha segnato la fine della giornata di incontro spirituale. 

A  Suor Maria Grazia e stata donata una riproduzione dell’Icona della Madonna dell’Elemosina e un bouquet di mimose. All’incontro è stata presente Suor Angela Galizia F.M.A., biancavillese e membro dell’associazione mariana sin dalla sua fondazione. Un  bouquet di mimose è stato offerto anche a tutte le “Donne SME” intervenute alla serata, che certamente ha arricchito interiormente e spiritualmente il cuore di ogni partecipante.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: