Pellegrini in Santuario gli ammalati e i disabili assistiti dalle aggregazioni del comprensorio. La Celebrazione, segnata dalla affiliazione al Santuario di Notre Dame de Lourdes in Francia, si è conclusa con la processione dell’Icona della Madonna dell’Elemosina.

Redazione SME

giornata-ammalati-7Biancavilla, per una sera, come una piccola Lourdes, sotto lo sguardo della Madre dell’Elemosina nella ricorrenza della memoria dell’apparizione della Vergine Maria a Lourdes.
giornata-ammalati-10Lo scorso 11 febbraio, infatti, nella Chiesa Giubilare biancavillese è stato celebrato il Giubileo degli Ammalati, arricchito dalla “Affiliazione” tra il Santuario di Biancavilla e il Santuario internazionale di Lourdes in Francia, suggellato dal messaggio del rettore del Santuario mariano più noto al mondo, P. Andrè Cabes, inviato alla comunità di Biancavilla: “La Vergine Maria, che da questo luogo dispensa grazie soprannaturali e giornata-ammalati-6benefici spirituali, estenda la sua materna protezione e benevolenza celeste anche a tutti i fedeli che con fede si riuniscono presso il Santuario Mariano di Biancavilla in onore della Vergine SS. dell’Elemosina, Madre della Misericordia. Nella comunione della nostra fede cattolica, chiediamo a Gesù misericordioso, attraverso l’intercessione di Maria, Madre sua e nostra, che allevi le sofferenze dei nostri fratelli e delle nostre sorelle infermi e conceda a tutti noi la disposizione al servizio dei bisognosi”.
timthumbNel pomeriggio dell’11 febbraio si sono radunati ammalati, anziani e persone disabili, accompagnati e assistiti da diverse associazioni di volontariato del comprensorio: i Ministri straordinari dell’Eucaristia delle parrocchie cittadine, le Associazioni “Insieme” e “CittAccessibile”, l’Opera Cenacolo “Cristo Re”, i “Volontari Ospedalieri di Biancavilla”, la Fraternita di Misericordia di S. Maria di Licodia e l’UNITALSI di Adrano.
giornata-ammalati-36A presiedere la Celebrazione Eucaristica è stato l’Arcivescovo Monsignor Alfio Rapisarda, Nunzio Apostolico emerito in Portogallo, che dopo aver ricevuto il saluto di “benvenuto” da parte del prevosto don Pino Salerno, si è soffermato sul senso della Giornata Mondiale del Malato. È stato S. Giovanni Paolo II – ha ricordato il Vescovo – a volere che nella memoria della Madonna di Lourdes si celebrasse la Giornata Mondiale giornata-ammalati-21del Malato. Il Papa Santo l’ha voluta perché esiste un legame profondo fra il messaggio mariano di Lourdes e la visione cristiana della persona umana ammalata. A Lourdes, infatti, i malati ritrovano la forza e la speranza perché si rendono conto di essere “soggetti attivi” dell’opera di salvezza e di evangelizzazione: “A Lourdes – ha detto il presule – la Vergine Maria ci aiuta a capire e a vivere la ‘lieta notizia’ del Vangelo di Gesù che arriva a trasformare anche la sofferenza e la malattia”.

giornata-ammalati-27Nel commentare il Vangelo della Visitazione proposto dalla Liturgia, monsignor Rapisarda ha evidenziato come il racconto evangelico della “Visitazione” segua immediatamente l’episodio dell’Annunciazione: “la Vergine Santa, che porta in grembo il Figlio concepito per opera dello Spirito Santo, irradia intorno a sé grazia e gaudio spirituale. E’ la presenza in Lei dello Spirito che fa sussultare di gioia il figlio di giornata-ammalati-38Elisabetta, Giovanni, destinato a preparare la via al Figlio di Dio fatto uomo. Dove c’è Maria, c’è Cristo – ha continuato il celebrante – ; e dove c’è Cristo c’è il suo Spirito Santo, che procede dal Padre e da Lui nel mistero sacrosanto della vita trinitaria. E Maria? La Vergine santissima ci insegna a sopportare con gioiosa pazienza le malattie e le sofferenze e ad unire i nostri dolori a quelli di Cristo crocifisso per la salvezza delle anime”.

giornata-ammalati-55Dopo la Comunione si è svolta una suggestiva processione con l’Icona della Vergine dell’Elemosina, recata a spalla dagli Unitalsiani. Il breve tragitto intorno a piazza della Collegiata è stato scandito da preghiere e dall’Inno del Giubileo della Misericordia trasmesso in filodiffusione dal campanile del Sada, per concludersi nuovamente in Basilica Santuario con la reposizione della Sacra Icona nella sua Cappella-custodia e la Benedizione indulgenziale impartita dall’Arcivescovo celebrante.
giornata-ammalati-46Ad animare i canti è stata la corale “S. Maria degli Angeli” dei Cappuccini di Adrano; il servizio liturgico è stato curato dai ministranti del Santuario con la presenza di alcuni ragazzi in carrozzina.
A ricordo della celebrazione, l’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” ha donato ai rappresentanti delle varie aggregazioni alcune riproduzioni dell’Icona della Madonna dell’Elemosina.

giornata-ammalati-61Il Giubileo degli ammalati a Biancavilla “Infirmos visitare” è stato introdotto dall’incontro-testimonianza sulla XXIV Giornata Mondiale del Malato che si è svolto sabato 6 febbraio in Santuario con l’intervento di Don Antonino De Maria, Direttore dell’ISSR “San Luca” di Catania, della piscologa Paola Scandura, e di Carmelo Mazzaglia, giornata-ammalati-71presidente dell’Associazione “CittAccessibile di Biancavilla”.
Un ulteriore appuntamento avrà luogo sabato prossimo, 13 febbraio, con la visita dell’Icona della Madonna dell’Elemosina presso i reparti dell’Ospedale cittadino a cura dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”.
giornata-ammalati-73Infine, martedì 16 febbraio, Don Giovanni Zappalà guiderà in Santuario la Lectio Divina sui racconti evangelici di guarigione.

giornata-ammalati-77