Il 15° anno dell’Associazione Maria SS. dell’Elemosina

Giornata di festa e fede sabato 26 agosto per l’Associazione Maria SS. dell’Elemosina che ha celebrato i suoi 15 anni di vita.
Nel corso della celebrazione sei nuovi iscritti hanno ricevuto lo scapolare benedetto della Vergine dalle mani del Prevosto-Assistente don Agrippino Salerno.


A Suor Melina Fisichella, figlia di Maria Ausiliatrice, è stato conferito il titolo di SOCIA ONORARIA dell’Aggregazione mariana. Suor Melina, biancavillese, si è sempre distinta per una grandissima devozione alla Madonna dell’Elemosina, che ha diffuso e sostenuto, particolarmente presso gli ammalati ai quali lei porta la Santa Comunione.


Suor Melina, ha avuto anche alcune rivelazioni private, piccoli ma straordinari segni di intimità con la Vergine Maria.
Nelle scorse settimane, ad esempio, le era stata prospettata la possibilità di un viaggio a Medjugorie, che avrebbe dovuto compiere proprio in questi giorni. Quando non sapeva ancora nulla del conferimento del titolo onorario, ha ricevuto una rivelazione in cui la Madonna dell’Elemosina le diceva che non occorreva andare a cercarla altrove, perché lei era già lì, in quell’icona da lei tanto amata.


È stata una grande emozione per lei ricevere lo scapolare: “mi avete fatto un regalo bellissimo” ha commentato commossa.
La Celebrazione eucaristica è stata presieduta da don Pietro Antonio Ruggiero, parroco della matrice di Gagliano Castelferrato (En) e omileta di chiara fama, autore di diversi testi di meditazione spirituale, alcuni dei quali consegnati personalmente a papa Benedetto XVI.


Nella sua omelia don Pietro Antonio ha esortato tutti i presenti a diventare autenticamente credenti, non solo “clienti che si rivolgono al Signore al momento del bisogno per chiedere qualcosa di concreto” e, citando Sant’Ambrogio, ha detto “occorre che ognuno di noi rigeneri nella propria carne il figlio di Dio, proprio come Maria”.

All’inizio della Messa, la venerata icona della Madonna dell’Elemosina è stata rivestita pubblicamente della preziosa corazza in oro e argento, che racchiude i tantissimi gioielli odferti in ex voto dai fedeli.


Ad animare la Celebrazione è stato il coro polifonico “San Vito martire” di Cammarata, giunto a Biancavilla per l’occasione.
Il coro, diretto dal M° Maria Rita Di Marco, ha eseguito anche uno splendido concerto in onore della Madonna dell’Elemosina, alternando brani lirici e corali, con l’intervento dei solisti Giuseppe Leto, tenore, e Adalgisa Maida, soprano.


Il concerto, presentato da Alessandro Scaccianoce, è stato offerto dall’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” come omaggio di fede e amore alla celeste Protettrice di Biancavilla.

Commenti

commenti