La Madonna dell’Elemosina invocata dalle Suore Salesiane di Sicilia per l’inizio del nuovo anno educativo-pastorale

di Giuseppe Sant’Elena 

È stata scelta Biancavilla, e in particolare la Basilica Santuario della Madonna dell’Elemosina, dall’ispettoria Salesiana Sicula delle Figlie di Maria Ausiliatrice per iniziare l’anno educativo-pastorale. Infatti sabato 2 settembre tutte le direttrici delle case salesiane siciliane e il consiglio ispettoriale siculo si sono ritrovate presso la cittadina Etnea, che da circa cento quindici anni gode della presenza delle suore salesiane, dove, dopo la Celebrazione della Santa Messa presso la chiesa dell’Annunziata presieduta da don Carlo Zanotti, sacerdote salesiano di Cuneo, sono giunte in pellegrinaggio ai piedi della Madonna dell’Elemosina, affidando alla Madre della Misericordia la loro missione educativa che sono chiamati a svolgere, in particolare nei confronti dei Giovani.

Presente anche la superiore dell’ispettoria, Suor Maria Pisciotta F.M.A., che ha riaffermato, commossa, la gratitudine verso Biancavilla, per le tante vocazioni che, oggi come nel passato, ha dato alla famiglia salesiana e alla Chiesa tutta.

Dopo aver ammirato le bellezze del complesso basilicale, le sorelle salesiane lasciando il Santuario biancavillese, hanno salutato il prevosto parroco e la rappresentanza dei giovani dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”, ringraziando per la calorosa accoglienza, con l’augurio di rimanere sempre uniti nella devozione a Maria Santissima.

Particolarmente entusiasta Suor Maria Vella F.M.A., direttrice della locale Casa Salesiana Biancavillese che ha ricordato alle consorelle la grande devozione che il popolo Biancavillese nutre nei confronti della Vergine dell’Elemosina e ha reso tutte partecipi del bell’evento che lo scorso 26 agosto ha interessato Suor Melina Fisichella F.M.A., insignita del titolo di “Socio Onorario” dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”.

Commenti

commenti