Si è conclusa ieri a Messina la mostra iconografica “Icone Mariane in Sicilia”; l’esposizione di alcune tra le più insigni e antiche Icone della Madre di Dio presenti e venerate nel territorio isolano. Presente, una riproduzione dell’Icona della Madonna dell’Elemosina di Biancavilla, “scritta” dall’iconografo Antonio Maria Schiavone e conservata nella Basilica biancavillese.  

La mostra, aperta martedì scorso con una conferenza, è stata allestita presso la chiesa di origini bizantine della SS.ma Annunziata dei Catalani. Curata dalla “Comunità ellenica dello stretto” con a capo la dott.ssa Annamaria Celi, l’esposizione ha avuto una larga risonanza regionale. Ad intervenire alla conferenza di apertura sono stati: il Rev.do Mons. Giuseppe La Speme, delegato arcivescovile per la Cattedrale peloritana; il papas Antonio Cucinotta, parroco della Chiesa greco-cattolica di S. Maria del Graffeo di Messina; il dott. Matteo Allone, direttore del Centro “Camelot” e l’iconografo Schiavone.

Oltre all’Icona della Vergine dell’Elemosina, sono state esposte le quattro icone dei santi, facenti parte della “Deesis della Misericordia” della Basilica Santuario di Biancavilla. Nel corso delle giornate, a tutti i visitatori sono state donate delle immagini-cartolina con stampa della Vergine di Biancavilla.

 

Commenti

commenti