Il Rev.do P. Gentian Anton Gjonej, dell’Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e Malta, ieri  sera ha visitato il Santuario della Madonna dell’Elemosina e venerato l’icona della Madre di Dio “Elèusa” ivi conservata.

P. Anton è originario della città di Shkodër (Scutari), in Albania, proprio del luogo dove sono partite le famiglie di Albanesi che alla fine del ‘400 approdarono a Biancavilla con l’Effigie benedetta della Madonna, fondando di fatto la locale cittadina etnea.

Accompagnato dal diacono Giosuè Messina, il prete ortodosso è stato accolto in Basilica dal prevosto Pino Salerno, mentre dal presidente dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” e dal diacono, è stato guidato nella visita della Basilica. Al termine della visita ha rilasciato la seguente dichiarazione: “E’ stato un vero piacere aver visitato questo luogo santo e con tutto il cuore posso affermare di essermi sentito a casa mia perché sono originario della comunità scutarina. Chiedo a tutti di pregare per me come io per voi”.

In tale circostanza è stato invitato ad assistere alla celebrazione eucaristica nella prossima festa del patrocinio di Maria SS. dell’Elemosina che avrà luogo giovedì 4 ottobre p.v.    

 

Commenti

commenti