Da domenica 16 dicembre, duemila copie in distribuzione presso la Chiesa del Rosario e altri locali della Basilica Santuario.

L’edizione del Calendario Artistico 2019 dedicato alla Madonna dell’Elemosina, voluto ancora una volta dall’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”, si colloca quest’anno in un contesto particolare per la Comunità biancavillese, che, dopo l’avvenimento del terremoto del 6 ottobre 2018, si ritrova temporaneamente senza la sua “casa” più rappresentativa, la “casa di Dio e di Maria”, chiusa per i danni subiti.

In questa esperienza di esilio, può essere opportuno fermarsi per riscoprire le ragioni dello stare insieme, e approfondire ancora di più il senso di una Comunità unita da legami invisibili ma profondi e ben radicati, come quello della fede battesimale in Cristo Gesù, che al genere umano ha donato Maria come madre.

Le foto artistiche di Giovanni Stissi, messe gratuitamente a disposizione e selezionate in 14 tavole grafiche (12 mesi, più copertina e quarta di copertina), ricordano la bellezza del Santuario mariano e delle tradizionali manifestazioni che animano la “Città di Maria”, Biancavilla, attorno alla venerata Icona di Maria SS. dell’Elemosina, amata protettrice della Comunità etnea, la cui fama e devozione ha ormai ben oltrepassato i confini locali.

L’augurio è di custodire la bellezza di questi scatti, per affrontare con determinazione il presente e guardare con speranza al futuro che ci attende, sostenuti dall’abbraccio della Vergine santissima.

Cosa può temere un bambino stretto in braccio a sua madre? Questa sicura confidenza animi la nostra preghiera in questo anno, sostenuta dalle parole dei Salmi, il libro dell’Antico Testamento che esprime poeticamente tutti i sentimenti dell’uomo e li porta a Dio.

Sin da ora attendiamo con fiducia il momento in cui potremo ritrovarci insieme nella Casa del Signore per cantare in eterno le sue meraviglie.

Tutta la storia, tutta la vita dell’uomo è orientata verso questo scopo ultimo che nei segni la Chiesa anticipa sulla terra: stare alla presenza del Signore nel suo tempio santo. E anche se il segno materiale in questo momento è ferito, nulla può strapparci dal cuore la fiducia di questo compimento. Per questo restiamo saldi “nell’abbraccio di Maria”.

Vi aspettiamo, dunque, per ritirare il calendario per voi e per regalarlo ai vostri amici!

Commenti

commenti