Tutto pronto per la liturgia di riapertura della Basilica “Maria SS. dell’Elemosina” di Biancavilla.

Domenica 12 gennaio, l’appuntamento con la cittadinanza tutta che si riapproprierà del suo monumento più grande e significativo.
Alcune modifiche sono state apportate al programma iniziale già pubblicato.
Dato il persistente freddo, il prevosto don Pino Salerno, ha pensato meglio di evitare il raduno dei fedeli in piazza Roma con la Basilica chiusa.


La chiesa, comunica il parroco, aprirà le porte laterali già alle ore 17,30 dove i fedeli saranno accolti con un servizio d’ordine che indicherà loro i settori da occupare.
Alle ore 18.30, come da programma, è fissata l’accoglienza dell’Arcivescovo Mons. Salvatore Gristina sul sagrato della Basilica, per poi procedere al breve Rito della apertura della Porta maggiore centrale. L’Arcivescovo, dopo l’apertura, si muoverà in processione verso il presbiterio benedicendo ed aspergendo il Popolo.


Qui saranno formulati i saluti formali delle Autorità.
A seguire, alle ore 19, avrà inizio la Concelebrazione eucaristica.




 


Alla processione liturgica d’ingresso, l’Icona della Madonna dell’Elemosina, titolare della Basilica parrocchiale (che per 14 mesi ha sostato con la Comunità presso la chiesa del Rosario), attraverserà con i sacri ministri la navata centrale del Santuario e sarà solennemente intronizzata all’altare maggiore.

Subito dopo la celebrazione, sarà scoperta una lapide commemorativa dello storico evento.