FIGLI TRA LE BRACCIA DELLA MADRE COME NEI TEMPI DELLE PIU’ GRAVI CALAMITA’, RINNOVIAMO LA NOSTRA FEDE CONFIDANDO NELLA PROTEZIONE DELLA MADONNA DELL’ELEMOSINA

COMUNICATO STAMPA LITURGICO/PASTORALE.
(Segue a quello del 19 Agosto 2020)

• 10 giorni di preghiera intensa alla Madonna dell’Elemosina con celebrazioni in diretta facebook e sull’emittente Video Star.
• Domenica 30 agosto saranno celebrate sei Messe nel corso della giornata, dalle 6 alle 22,30.
• Si potrà accedere in Santuario (fino a 200 posti) con mascherina e nel rispetto delle norme di distanziamento interpersonale.




Le celebrazioni in onore della Madonna dell’Elemosina, protettrice di Biancavilla, quest’anno e nel particolare contesto che stiamo vivendo, assumono un significato tutto particolare.
Più volte nei secoli il nostro popolo ha fatto ricorso alla Vergine Santissima, per implorare protezione nei momenti più difficili della sua storia, in occasione di epidemie, pestilenze, terremoti e guerre.

E sempre il nostro popolo ha potuto sperimentare la sua potente intercessione.
La Madre non delude i figli che a lei ricorrono con fiducia.
Le restrizioni e le regole di prudenza imposte dalle autorità, che non consentono di realizzare la tradizionale grande festa solenne all’aperto, non sono un motivo per spegnere o affievolire la nostra fede e la nostra devozione. Al contrario, se non è possibile esprimere il nostro tributo in una certa forma esteriore, siamo tutti chiamati ad un rinnovato atto di amore intimo e sincero alla Vergine dell’Elemosina, perché ancora una volta rivolga gli occhi suoi misericordiosi sul nostro popolo e stenda su di noi il suo manto materno, a protezione e difesa delle insidie del corpo e dell’anima.




Mentre tutto il mondo teme per la salute fisica, noi siamo chiamati, con la fiducia dei figli, ad implorare dalla nostra Madre del cielo la guarigione del nostro cuore, un cuore che rischia di chiudersi alla fede e alla speranza.
Non lasciamoci spegnere la fede, non lasciamoci rubare la speranza!
Come cristiani abbiamo un tesoro grandissimo per poter affrontare anche le fatiche del tempo presente.

Invitiamo pertanto tutti i cittadini ad accostarsi alla Madonna in questi 10 giorni di preghiera che ci stanno innanzi, per ravvivare la nostra adesione alla salvezza offerta da Cristo Signore, il figlio di Maria, che ci chiede, particolarmente in questo momento, una più forte e fiduciosa adesione a Lui, per non cadere vittime della paura del mondo.




DAL 21 AL 29 AGOSTO
•Confermati tutti gli appuntamenti del programma. Due SS. Messe in Basilica (8,30 – 19).
Per favorire una più ampia e corale partecipazione dei fedeli, le Celebrazioni del Novenario, dal 21 al 29 agosto, saranno trasmesse in diretta sull’emittente televisiva Video Star (Canale 193 del digitale terrestre) a partire dalle 18,30 per la recita del S. Rosario e della Coroncina, animati ogni giorno dalle diverse aggregazioni ecclesiali cittadine. Alle 19 seguirà la diretta della S. Messa.
Inoltre, tutti i giorni alle 12, sarà trasmessa in diretta sulla pagina facebook Madre di Misericordia la preghiera dell’Angelus, con le raccomandazioni per tutte le intenzioni di preghiera presentate alla Madonna in questi giorni.




DOMENICA 30 AGOSTO
Come già annunciato, non ci sarà la Messa in piazza Collegiata.
Per favorire la partecipazione del maggior numero possibile di fedeli, nel corso della giornata saranno celebrate all’interno della Basilica 6 SS. Messe: la prima alle 6 del mattino, poi alle 7, alle 8,30 e alle 11; nel pomeriggio alle 17 e alle 19; in serata alle 22,30.
La Celebrazione delle 11 sarà presieduta da S. E. Mons. Antonio Suetta, Vescovo di Ventimiglia – San Remo; quella delle 19 sarà celebrata da S. E. Mons. Salvatore Gristina, Arcivescovo di Catania, alla presenza dei rappresentanti delle varie confraternite e aggregazioni ecclesiali della città. Entrambe le celebrazioni saranno trasmesse in diretta dall’emittente Video Star.

Alle 20,30 il tenore Frate Alessandro eseguirà il previsto omaggio alla Madonna dell’Elemosina, accompagnato da altri artisti locali.
La Basilica Santuario rimarrà aperta tutta la giornata, a orario continuo e fino all’una di notte, per favorire la visita dei fedeli e dei pellegrini, scandita da preghiere e canti guidati.
Fedeli e Pellegrini potranno così accostarsi alla prodigiosa Icona per un atto di devozione personale.




Nel rispetto delle norme di prudenza sanitaria, la Basilica può contenere 200 fedeli per volta. Si entra muniti di mascherina, igienizzandosi le mani e nel rispetto della distanza di un metro dagli altri.
In tutto questo periodo, i sacerdoti saranno a disposizione per accogliere le Confessioni dei fedeli.
Accostiamoci con fiducia al trono della misericordia di Dio e, per le mani di Maria Santissima, chiediamo il dono di una fede forte e di una speranza sicura.

Biancavilla, 20 agosto 2020

Il Prevosto Parroco
Don Agrippino Salerno

Il Consiglio Direttivo
Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”

GRANDE FESTA ESTIVA. ANNULLATA LA CELEBRAZIONE ALL’APERTO. Nota del Sindaco e del Prevosto

CELEBRAZIONE IN ONORE DI MARIA SANTISSIMA DELL’ELEMOSINA: COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO DEL SINDACO ANTONIO BONANNO E DEL PREVOSTO DON AGRIPPINO SALERNO

L’emergenza sanitaria della pandemia legata al Covid 19, non permetterà, quest’anno nell’ultima domenica del mese di agosto, la celebrazione della tradizionale Santa messa all’aperto in piazza Collegiata in onore di Maria Santissima dell’Elemosina.




“E’ una scelta di responsabilità alla quale non possiamo sottrarci – spiega il primo cittadino, Antonio Bonanno -.
Dobbiamo attenerci alle regole e alle disposizioni che sono state impartite dai governi regionali e centrale: una scelta che non mette in discussione la nostra fede ma che, anzi, deve servire a rafforzarla nell’intenso senso di appartenenza che caratterizza la nostra comunità biancavillese.
Il buonsenso che ha animato anche il clero biancavillese, nella persona di Don Agrippino Salerno, è un segnale forte che ci rende ancora più uniti. Con Don Aggrippino questa mattina abbiamo concordato di prendere una decisione che era più che mai opportuno è necessaria.
Viva la Madonna dell’Elemosina”.




“Viene, in primis, la sicurezza delle persone: la sicurezza di tutti – conferma il Prevosto, Don Agrippino Salerno -. La Madonna dell’Elemosina richiama, da sempre, tanti fedeli. Un grande movimento di popolo che riesce ad aggregare anche 5 mila persone. E considerato quanto disposto dalle linee guida del Governo, con la distanza sociale da mantenere all’aperto, con l’ulteriore delimitazione di una piazza che avrebbe presentato numerose difficoltà nel garantire ingressi e uscite, con un Piano di sicurezza che avrebbe limitato a poche decine di fedeli la presenza in piazza, abbiamo ritenuto opportuno evitare la Santa Messa all’aperto.




La Festa della Madonna non è un fatto parrocchiale bensì cittadino e l’ultima cosa che va fatta è creare qualunque problema di ordine pubblico. Del resto, anche a Catania, in relazione alle festività estive agatine, si è evitato qualsiasi occasione di assembramento.
Le celebrazioni del novenario rimangono.
La santa messa verrà anche trasmessa anche in tv.
E, di certo, il culto della Madonna non verrà meno”.

“COME UNA SPOSA ADORNA PER IL SUO SPOSO”

Commossa come una sposa nel giorno delle sue nozze, così è apparsa Suor Melina Fisichella che ieri sera nella Basilica di Biancavilla ha festeggiato 50 anni di professione tra le Figlie di Maria Ausiliatrice, la congregazione fondata da Don Bosco e Madre Mazzarello.

Originaria di Biancavilla, suor Melina che oggi ha 82 anni, è entrata a far parte delle suore in giovane età. Dopo alcune esperienze in altre case salesiane, tra cui anche a Napoli, è stata inviata nella comunità di Biancavilla, dove ha trascorso gli ultimi 33 anni. Una stabilità che si è resa necessaria per accudire i suoi familiari, dei quali si è presa cura fino alla morte.

In questi lunghi anni di servizio religioso, tra le altre cose, ha svolto il compito di infermiera e di portinaia della comunità. Il suo sorriso ha accolto le tante persone che frequentano la casa “Francesca Messina” di Biancavilla.
Sorriso ma anche tanta umiltà e bontà d’animo sono le sue caratteristiche. Non manca mai di offrire una parola di incoraggiamento o di conforto.




Ha collaborato con la parrocchia della Matrice e dell’Annunziata come ministro straordinario dell’Eucaristia per portare la comunione agli ammalati e come catechista per la preparazione dei fanciulli ai sacramenti.

Nel corso della celebrazione di ieri, suor Melina ha rinnovato i voti di povertà, castità e obbedienza insieme con le consorelle della comunità di Biancavilla e altre giovani suore salesiane intervenute per l’occasione, tra cui suor Angela Galizia e suor Rosanna Zammataro, originarie di Biancavilla.

Nell’omelia il prevosto don Pino Salerno ha ricordato il tratto umano e dolcissimo di suor Melina e la sua devozione alla Madonna dell’Elemosina, che continua a divulgare con generosità, donando e inviando immagini e preghiere. Anche in considerazione di ciò è stata insignita nel 2017 dello scapolare della Madonna dell’Elemosina.

In occasione del suo 50° di professione religiosa, la comunità parrocchiale ha offerto a suor Melina un’icona della Vergine.


A far corona ieri tanti fedeli che nel corso di questi anni hanno sperimentato il tesoro racchiuso nel suo cuore.
“Non è stata madre – ha detto don Pino – ma ha generato tanti figli nello spirito. In lei risplende la bellezza di una vita offerta con gioia al Signore per i fratelli”.




Traduci

Archivio

Adsense