Il Volto misericordioso di Dio nella Scrittura

Sabato 12 marzo in Santuario  un’appassionata catechesi biblica di don Antonino La Manna. L’evento, collocato tra le iniziative giubilari dell’Anno Santo della Misericordia a Biancavilla, ha avuto come tema “La Misericordia nella Sacra Scrittura”.

Redazione SME

catechesi-don-nino-la-manna3Nel suo intervento sul tema della misericordia, al centro del giubileo voluto dal Santo Padre Francesco, P. Nino ha evidenziato che la parola “misericordia” compare innumerevoli volte nella Bibbia, anche se nelle lingue originali (ebraico e greco) non si trova un’unica definizione che corrisponde all’italiano “misericordia”, e ciò richiede una certa varietà di traduzione. Nell’ebraico biblico sono due i termini più utilizzati. Il primo è “rehamîm”, letteralmente “viscere”: è il sentimento profondo che lega due persone per ragioni di sangue e di cuore (genitori e figli, o fratelli); esprime perciò un amore quasi istintivo e, appunto, “viscerale”. L’altro termine è “hesed”, che indica “bontà”, “pietà”, “compassione” ed esprime sempre  la fedeltà di Dio con e per l’uomo.
rotoli_mar_mortoNel testo greco, il termine più usato (sia nell’antica traduzione greca del testo ebraico, sia nel Nuovo Testamento) è il verbo “eléo”, che nell’Antico Testamento traduce di solito “hesed”, e significa “avere o agire con misericordia”; di norma è riferito a Dio.
Fatta questa esegesi terminologica, il relatore ha ricordato come in Maria, Madre di Misericordia, è profondamente manifesto l’amore misericordioso dell’unigenito figlio di Dio per l’uomo; caratteristico è il contatto guancia a guancia tra Madre e Figlio, ben rappresentato nell’Icona della Madonna dell’Elemosina (Elèusa), venerata in modo speciale a Biancavilla.
catechesi-don-nino-la-manna4Continuando l’esegesi biblica, don La Manna ha ricordato che nel libro del Pentateuco si descrive l’atteggiamento di Dio davanti al peccato e al tradimento dell’uomo; così il Signore si rivolge a Mosè: “A chi vorrò far grazia farò grazia e di chi vorrò aver misericordia avrò misericordia” (Es 33,19). Ma è soprattutto in altre parti della Scrittura che s’incontra la parola misericordia: così, in 2Sam 24,14 è Davide a proclamare che “la misericordia del Signore è grande”; da rileggere anche la grande preghiera contenuta nel libro di Neemia (cap. 9) oppure le tante citazioni del Secondo libro dei Maccabei (“egli non ci toglie mai la sua misericordia…”, 2Mac 6,16) e del Siracide.
Anche i profeti cantano la misericordia di Dio; basti per tutti Is 54,10: “Anche se i monti si spostassero e i colli vacillassero, non si allontanerebbe da te il mio affetto… dice il Signore che ti usa misericordia” (qui è ben espressa la fedeltà di Dio).
Ancora, nell’Antico Testamento, sono i Salmi a contenere le più belle pagine sull’amore incondizionato di Dio, anche davanti al peccato: nelle parole di chi si rivolge a Dio nell’angoscia, leggiamo tutta la fiducia dell’uomo nei confronti di un Dio “pieno di misericordia con chi l’invoca” (Sal 85(86),5).
il-buon-samaritano-in-unicona-rumenaNel Nuovo Testamento, ha ricordato sempre P. Nino, la parola misericordia compare negli scritti di Paolo, in particolare nella Lettera ai Romani, sempre in riferimento all’agire di Dio verso gli uomini. L’apostolo l’utilizza poi anche in Ef 2,4, in un passaggio dove (insieme ad amore e grazia) indica l’agire salvifico di Dio in Gesù: “Ma Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con il quale ci ha amato, da morti che eravamo per le colpe, ci ha fatto rivivere con Cristo: per grazia siete salvati”. Non mancano anche gli inviti ad agire con misericordia, ad esempio nelle Lettere di Giacomo e di Giuda. Nei
Vangeli, la parola misericordia compare cinque volte tra Mt e Mc (tra cui la quinta beatitudine, “beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia”, Mt 5,7), e cinque volte nel solo Vangelo di Luca (tutte nel primo capitolo, dove Maria e Zaccaria esaltano la misericordia del Dio d’Israele). Proprio quello di Luca è detto il “Vangelo della misericordia”, come ha recentemente ricordato il Papa.
A partire dalla richiesta di Lc 6,36 (“Siate misericordiosi come il Padre vostro è misericordioso”), passando per lo sguardo compassionevole di Gesù verso la vedova di Nain (Lc 7,11-17) o la peccatrice (Lc 7,36-50), fino alle celebri tre parabole sulla misericordia del capitolo quindicesimo, tutto il terzo Vangelo fa della misericordia il tratto caratteristico di Dio, in particolare come atteggiamento verso il peccatore.

catechesi-don-nino-la-manna9Al termine della catechesi è seguito un breve dibattito. L’incontro è stato poi chiuso con il “ringraziamento” all’oratore espresso dal prevosto, don Pino Salerno e dal presidente dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”, Giuseppe Santangelo.
Un omaggio devozionale è stato inoltre compiuto dal biblista presso l’altare della Madre dell’Elemosina.

Domenica prossima festa della Divina Misericordia e indizione del Giubileo

Liberamente tratto da Credere 

Cari amici lettori, la seconda domenica di Pasqua è detta anche della Divina Misericordia. Così ha voluto il Papa Giovanni Paolo II, a partire dall’anno 2000. Ed è proprio questa l’occasione scelta dal Santo Padre Francesco per indire ufficialmente l’Anno santo straordinario della Misericordia. Nella solenne vigilia di Sabato 11 aprile, verrà resa pubblica la bolla d’indizione del Giubileo straordinario della Misericordia. Nel corso della cerimonia, verrà data lettura della Bolla davanti alla Porta santa della basilica di San Pietro. Seguiranno i Primi Vespri della festa della Divina Misericordia, presieduti dal Papa.

porta-santa-1030x615Nella bolla d’indizione del Giubileo saranno indicati i tempi, le date di apertura e di chiusura e le principali modalità di svolgimento del grande evento. Soprattutto, il Papa spiegherà lo spirito con cui ha indetto l’Anno santo, le intenzioni e i frutti da lui sperati. Il tema della misericordia di Dio sta molto a cuore a Francesco, è il centro del suo pontificato. Ma è anche il messaggio fondamentale del tempo di Pasqua. Che cos’è infatti la Pasqua? La parola significa “passaggio” e ricorda, appunto, il passaggio di Cristo dalla morte alla vita. Egli, Figlio eterno del Padre, ma anche uomo come noi, è il primo ad aver superato l’abisso della morte.

Ha così aperto anche per noi la via verso la vita eterna. La Pasqua di Cristo diventa così la nostra: un passaggio dalla morte alla vita che avverrà sì nell’ultimo giorno, nella risurrezione finale, ma che inizia fin d’ora con il nostro passaggio dal peccato alla vita nuova in Cristo, dall’egoismo all’amore, dalla vendetta alla misericordia. Nella sua Pasqua Gesù ci rivela il vero volto di Dio: un Padre misericordioso che sempre perdona, che ci ha amato a tal punto da consegnare suo Figlio alla morte di croce per salvarci. Cristo ci ha amato fino alla fine (cfr Giovanni 13,1), fino a dare la vita. Essere cristiani non è seguire una morale o una filosofia, ma fare esperienza di questo amore, lasciarci commuovere e trasformare da un Dio che ci ama così follemente da lavare i nostri piedi, da farsi servo, da morire per noi.

10885466_319420571590888_5918494019672480103_nÈ la grande scoperta di san Paolo: «Vivo nella fede del Figlio di Dio, che mi ha amato e ha consegnato se stesso per me» (Galati 2,20). Essere cristiani vuol dire lasciarci amare da Dio, riconoscerci peccatori e accogliere il suo perdono, diventare misericordiosi come lui è misericordioso (cfr Luca 6,26). È il passaggio, la Pasqua, che siamo chiamati a fare nella nostra vita, giorno per giorno. Cari amici, viviamo così questo tempo pasquale. Buona festa della Misericordia a tutti!

PERCHÈ FARE LA VIA CRUCIS?

8 ragioni per fare la Via Crucis a partire dalle meditazioni e dai discorsi di Papa Francesco. Un efficace aiuto per vivere la pia pratica penitenziale della Quaresima.

di Kevin Cotter

 

La Via Crucis è un’antica tradizione della Chiesa cattolica risalente al IV secolo, quando i cristiani si recavano in pellegrinaggio in Terra Santa.

Come molte delle nostre tradizioni cattoliche, la Via Crucis può essere ricca, profonda e significativa, ma allo stesso tempo possiamo perdere di vista il suo significato e il modo in cui relazionarci ad essa nella nostra vita quotidiana.

Ecco allora 8 ragioni offerte dal Santo Padre Francesco per le quali dovremmo fare la Via Crucis.

1. Ci permette di riporre la nostra fiducia nel Signore

“Nella Croce di Cristo c’è tutto l’amore di Dio, c’è la sua immensa misericordia. E questo è un amore di cui possiamo fidarci, nel quale possiamo credere… Fidiamoci di Gesù, affidiamoci a Lui, perché Lui non delude mai nessuno! Solo in Cristo morto e risorto troviamo la salvezza e la redenzione” (Via Crucis con i giovani, Giornata Mondiale della Gioventù, 26 luglio 2013).

2. Ci inserisce nella Storia

“Tu come chi di loro vuoi essere? … Come Pilato, come il Cireneo, come Maria? Gesù ti sta guardando adesso e ti dice: mi vuoi aiutare a portare la Croce? Fratelli e sorelle: con tutta la forza di giovane, che cosa Gli rispondi?” (Via Crucis con i giovani, Giornata Mondiale della Gioventù, 26 luglio 2013).

3. Ci ricorda che Gesù soffre con noi

“Nella Croce di Cristo c’è la sofferenza, il peccato dell’uomo, anche il nostro, e Lui accoglie tutto con le braccia aperte, carica sulle sue spalle le nostre croci e ci dice: Coraggio! Non sei solo a portarle! Io le porto con te e io ho vinto la morte e sono venuto a darti speranza, a darti vita (cfr Gv 3,16)” (Via Crucis con i giovani, Giornata Mondiale della Gioventù, 26 luglio 2013).

4. Ci spinge all’azione

“La Croce di Cristo invita anche a lasciarci contagiare da questo amore, ci insegna allora a guardare sempre l’altro con misericordia e amore, soprattutto chi soffre, chi ha bisogno di aiuto, chi aspetta una parola, un gesto” (Via Crucis con i giovani, Giornata Mondiale della Gioventù, 26 luglio 2013).

5. Ci aiuta a prendere una decisione a favore o contro Cristo

“[La Croce] è anche giudizio: Dio ci giudica amandoci. Ricordiamo questo: Dio ci giudica amandoci. Se accolgo il suo amore sono salvato, se lo rifiuto sono condannato, non da Lui, ma da me stesso, perché Dio non condanna, Lui solo ama e salva” (Via Crucis al Colosseo del Venerdì Santo, 29 marzo 2013).

6. Rivela la risposta di Dio al male nel mondo

“La Croce di Gesù è la Parola con cui Dio ha risposto al male del mondo. A volte ci sembra che Dio non risponda al male, che rimanga in silenzio. In realtà Dio ha parlato, ha risposto, e la sua risposta è la Croce di Cristo: una Parola che è amore, misericordia, perdono” (Via Crucis al Colosseo del Venerdì Santo, 29 marzo 2013).

7. Ci dà la certezza dell’amore di Dio per noi

“Che cosa ha lasciato la Croce in coloro che l’hanno vista e in coloro che l’hanno toccata? Che cosa lascia la Croce in ciascuno di noi? Vedete: lascia un bene che nessuno può darci: la certezza dell’amore fedele di Dio per noi” (Via Crucis con i giovani, Giornata Mondiale della Gioventù, 26 luglio 2013).

8. Ci guida dalla Croce alla Resurrezione

“O nostro Gesù, guidaci dalla Croce alla resurrezione e insegnaci che il male non avrà l’ultima parola, ma l’amore, la misericordia e il perdono. O Cristo, aiutaci a esclamare nuovamente: ‘Ieri ero crocifisso con Cristo; oggi sono glorificato con Lui. Ieri ero morto con Lui, oggi sono vivo con Lui. Ieri ero sepolto con Lui, oggi sono risuscitato con Lui’” (Via Crucis al Colosseo del Venerdì Santo, 18 aprile 2014).

Papa Francesco ai mafiosi: “Piangete e cambiate vita!”

Pubblichiamo l’intervento di papa Francesco in occasione della “Giornata della memoria e dell’impegno” in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.  Parole di conforto per i familiari delle vittime e un duro appello alla conversione per i responsabili.

Cari fratelli e sorelle,

(…)

il desiderio che sento è di condividere con voi una speranza, ed è questa: che il senso di responsabilità piano piano vinca sulla corruzione, in ogni parte del mondo… E questo deve partire da dentro, dalle coscienze, e da lì risanare, risanare i comportamenti, le relazioni, le scelte, il tessuto sociale, così che la giustizia guadagni spazio, si allarghi, si radichi, e prenda il posto dell’inequità.

(…)

In particolare, voglio esprimere la mia solidarietà a quanti tra voi hanno perso una persona cara, vittima della violenza mafiosa. Grazie per la vostra testimonianza, perché non vi siete chiusi, ma vi siete aperti, siete usciti, per raccontare la vostra storia di dolore e di speranza. Questo è tanto importante, specialmente per i giovani!

Vorrei pregare con voi – e lo faccio di cuore – per tutte le vittime delle mafie. Anche pochi giorni fa, vicino a Taranto, c’è stato un delitto che non ha avuto pietà nemmeno di un bambino. Ma nello stesso tempo preghiamo insieme, tutti quanti, per chiedere la forza di andare avanti, di non scoraggiarci, ma di continuare a lottare contro la corruzione.

E sento che non posso finire senza dire una parola ai grandi assenti, oggi, ai protagonisti assenti: agli uomini e alle donne mafiosi. Per favore, cambiate vita, convertitevi, fermatevi, smettete di fare il male! E noi preghiamo per voi. Convertitevi, lo chiedo in ginocchio; è per il vostro bene. Questa vita che vivete adesso, non vi darà piacere, non vi darà gioia, non vi darà felicità. Il potere, il denaro che voi avete adesso da tanti affari sporchi, da tanti crimini mafiosi, è denaro insanguinato, è potere insanguinato, e non potrete portarlo nell’altra vita. Convertitevi, ancora c’è tempo, per non finire all’inferno. E’ quello che vi aspetta se continuate su questa strada. Voi avete avuto un papà e una mamma: pensate a loro. PIANGETE UN PO’ E CONVERTITEVI!

Preghiamo insieme la nostra Madre Maria che ci aiuti: Ave Maria…

La povertà di Cristo è la nostra ricchezza

La povertà di Cristo è la più grande ricchezza:

Gesù è ricco della sua sconfinata fiducia in Dio Padre, dell’affidarsi a Lui in ogni momento, cercando sempre e solo la sua volontà e la sua gloria.

È ricco come lo è un bambino che si sente amato e ama i suoi genitori e non dubita un istante del loro amore e della loro tenerezza.

La ricchezza di Gesù è il suo essere il Figlio.

(dal Messaggio di Papa Francesco per la Quaresima 2014)

“DIO CI LIBERI DAL PIZZO E DALLA MAFIA!”

– COMUNICATO STAMPA –

Con rammarico prendiamo atto dei gravi fenomeni di recrudescenza mafiosa che negli ultimi mesi hanno riguardato la comunità biancavillese. Fatti di sangue e nuovi gravi fatti di estorsione a carico dei commercianti locali.

Al riguardo ci sembra opportuno richiamare i molti interventi di alcuni Vescovi siciliani che hanno sancito ufficialmente e ribadito  l’incompatibilità tra la Chiesa e l’appartenenza ad una organizzazione criminale e mafiosa.

Con indicibile sofferenza, prendiamo atto che la nostra terra continua ad essere martoriata dalla mafia, che ha ucciso e continua ad uccidere giovani vite e che strozza ogni possibilità di sviluppo del nostro territorio, colpendo al cuore ogni iniziativa economica e con essa ogni speranza di un futuro libero e dignitoso.

Giova ribadire, in tale contesto, che la mafia è incompatibile con la Chiesa, nonostante i santini e gli atti di devozione di alcuni esponenti malavitosi. E’ stata emblematica, in tal senso, la scelta di alcuni Vescovi siciliani che hanno espressamente vietato funerali religiosi per uomini notoriamente mafiosi, morti senza aver dato nessun segno di pentimento e di ravvedimento.

Duole, invece, assistere in alcuni casi – com’è accaduto diverse volte e in diversi comuni –  al tristissimo fenomeno di funerali religiosi trasformati in una vera e propria manifestazione di tributo per le “virtù eroiche” del defunto morto in odore di mafia, con una partecipazione popolare che sgomenta e lascia aperti molti interrogativi. Soprattutto, ci chiediamo: perché tanti giovani accorrono ad un funerale di questo tipo? 

ihabjhga-340x541La mafia è un’organizzazione criminale che si nutre del silenzio, della paura e dell’approvazione tacita di un sistema in cui si sa chi controlla il territorio, chi comanda, chi chiede il pizzo, chi minaccia…

E’ questa la società in cui vogliamo far crescere i nostri figli e i nostri nipoti?

Il Beato Padre Pino Puglisi, il Servo di Dio Rosario Livatino, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino ci insegnano che non basta condannare la mafia in quanto fenomeno criminoso, ma occorre reagire alla pratica mafiosa. Non occorre per questo diventare martiri ma, ogni giorno della vita possiamo fare la nostra parte. Meglio ancora se sostenuti da altri fratelli e sorelle.

La mafia non aiuta nessuno, non fa del bene al nostro territorio, ci toglie la libertàpapaadag3257x300 di vivere, di agire, ci condanna sempre più alla povertà e ad una cronica arretratezza strutturale ed economica, costringendo le forze migliori a fuggire via da questa terra. Ma, più ancora, la mafia non ha nulla a che vedere col cristianesimo, col Vangelo, con Cristo:  “Il mafioso – scrivono i Vescovi – in forza della stessa appartenenza alla cosca dedita strutturalmente al crimine, si pone oggettivamente fuori della comunione ecclesiale”. Ritorna alla mente  il grido di Giovanni Paolo II lanciato nella Valle dei Templi di Agrigento: “Convertitevi!  Una volta verrà il giudizio di Dio!”.

Insieme con molti altri esponenti della società civile siciliana, facendo eco ad un dibattito che si muove da diverso tempo all’interno delle comunità cristiane, condividiamo e sottoscriviamo la scelta di alcuni Vescovi siciliani di vietare funerali religiosi per esponenti mafiosi, morti senza aver dato nessun segno di pentimento o di ravvedimento. Una scelta che va ben regolamentata per tutta la Chiesa siciliana ed italiana.

Alla Madonna dell’Elemosina, Custode e Protettrice della nostra comunità, affidiamo il desiderio di un futuro luminoso e ricco di speranza, e con Lei, Madre “Onnipotente per grazia”, eleviamo al Padre il nostro grido di preghiera, utilizzando le parole di Mons. Pennisi, Arcivescovo di Monreale:

“Dio ci liberi dal pizzo e dalla mafia!”,

Sapendo, tuttavia, che questa liberazione passa anche dall’impegno di ciascuno…

La Redazione del Sito