BIANCAVILLA COME LOURDES: il Giubileo degli Ammalati nell’Anno Santo della Misericordia

Pellegrini in Santuario gli ammalati e i disabili assistiti dalle aggregazioni del comprensorio. La Celebrazione, segnata dalla affiliazione al Santuario di Notre Dame de Lourdes in Francia, si è conclusa con la processione dell’Icona della Madonna dell’Elemosina.

Redazione SME

giornata-ammalati-7Biancavilla, per una sera, come una piccola Lourdes, sotto lo sguardo della Madre dell’Elemosina nella ricorrenza della memoria dell’apparizione della Vergine Maria a Lourdes.
giornata-ammalati-10Lo scorso 11 febbraio, infatti, nella Chiesa Giubilare biancavillese è stato celebrato il Giubileo degli Ammalati, arricchito dalla “Affiliazione” tra il Santuario di Biancavilla e il Santuario internazionale di Lourdes in Francia, suggellato dal messaggio del rettore del Santuario mariano più noto al mondo, P. Andrè Cabes, inviato alla comunità di Biancavilla: “La Vergine Maria, che da questo luogo dispensa grazie soprannaturali e giornata-ammalati-6benefici spirituali, estenda la sua materna protezione e benevolenza celeste anche a tutti i fedeli che con fede si riuniscono presso il Santuario Mariano di Biancavilla in onore della Vergine SS. dell’Elemosina, Madre della Misericordia. Nella comunione della nostra fede cattolica, chiediamo a Gesù misericordioso, attraverso l’intercessione di Maria, Madre sua e nostra, che allevi le sofferenze dei nostri fratelli e delle nostre sorelle infermi e conceda a tutti noi la disposizione al servizio dei bisognosi”.
timthumbNel pomeriggio dell’11 febbraio si sono radunati ammalati, anziani e persone disabili, accompagnati e assistiti da diverse associazioni di volontariato del comprensorio: i Ministri straordinari dell’Eucaristia delle parrocchie cittadine, le Associazioni “Insieme” e “CittAccessibile”, l’Opera Cenacolo “Cristo Re”, i “Volontari Ospedalieri di Biancavilla”, la Fraternita di Misericordia di S. Maria di Licodia e l’UNITALSI di Adrano.
giornata-ammalati-36A presiedere la Celebrazione Eucaristica è stato l’Arcivescovo Monsignor Alfio Rapisarda, Nunzio Apostolico emerito in Portogallo, che dopo aver ricevuto il saluto di “benvenuto” da parte del prevosto don Pino Salerno, si è soffermato sul senso della Giornata Mondiale del Malato. È stato S. Giovanni Paolo II – ha ricordato il Vescovo – a volere che nella memoria della Madonna di Lourdes si celebrasse la Giornata Mondiale giornata-ammalati-21del Malato. Il Papa Santo l’ha voluta perché esiste un legame profondo fra il messaggio mariano di Lourdes e la visione cristiana della persona umana ammalata. A Lourdes, infatti, i malati ritrovano la forza e la speranza perché si rendono conto di essere “soggetti attivi” dell’opera di salvezza e di evangelizzazione: “A Lourdes – ha detto il presule – la Vergine Maria ci aiuta a capire e a vivere la ‘lieta notizia’ del Vangelo di Gesù che arriva a trasformare anche la sofferenza e la malattia”.

giornata-ammalati-27Nel commentare il Vangelo della Visitazione proposto dalla Liturgia, monsignor Rapisarda ha evidenziato come il racconto evangelico della “Visitazione” segua immediatamente l’episodio dell’Annunciazione: “la Vergine Santa, che porta in grembo il Figlio concepito per opera dello Spirito Santo, irradia intorno a sé grazia e gaudio spirituale. E’ la presenza in Lei dello Spirito che fa sussultare di gioia il figlio di giornata-ammalati-38Elisabetta, Giovanni, destinato a preparare la via al Figlio di Dio fatto uomo. Dove c’è Maria, c’è Cristo – ha continuato il celebrante – ; e dove c’è Cristo c’è il suo Spirito Santo, che procede dal Padre e da Lui nel mistero sacrosanto della vita trinitaria. E Maria? La Vergine santissima ci insegna a sopportare con gioiosa pazienza le malattie e le sofferenze e ad unire i nostri dolori a quelli di Cristo crocifisso per la salvezza delle anime”.

giornata-ammalati-55Dopo la Comunione si è svolta una suggestiva processione con l’Icona della Vergine dell’Elemosina, recata a spalla dagli Unitalsiani. Il breve tragitto intorno a piazza della Collegiata è stato scandito da preghiere e dall’Inno del Giubileo della Misericordia trasmesso in filodiffusione dal campanile del Sada, per concludersi nuovamente in Basilica Santuario con la reposizione della Sacra Icona nella sua Cappella-custodia e la Benedizione indulgenziale impartita dall’Arcivescovo celebrante.
giornata-ammalati-46Ad animare i canti è stata la corale “S. Maria degli Angeli” dei Cappuccini di Adrano; il servizio liturgico è stato curato dai ministranti del Santuario con la presenza di alcuni ragazzi in carrozzina.
A ricordo della celebrazione, l’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” ha donato ai rappresentanti delle varie aggregazioni alcune riproduzioni dell’Icona della Madonna dell’Elemosina.

giornata-ammalati-61Il Giubileo degli ammalati a Biancavilla “Infirmos visitare” è stato introdotto dall’incontro-testimonianza sulla XXIV Giornata Mondiale del Malato che si è svolto sabato 6 febbraio in Santuario con l’intervento di Don Antonino De Maria, Direttore dell’ISSR “San Luca” di Catania, della piscologa Paola Scandura, e di Carmelo Mazzaglia, giornata-ammalati-71presidente dell’Associazione “CittAccessibile di Biancavilla”.
Un ulteriore appuntamento avrà luogo sabato prossimo, 13 febbraio, con la visita dell’Icona della Madonna dell’Elemosina presso i reparti dell’Ospedale cittadino a cura dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”.
giornata-ammalati-73Infine, martedì 16 febbraio, Don Giovanni Zappalà guiderà in Santuario la Lectio Divina sui racconti evangelici di guarigione.

giornata-ammalati-77

Giubileo della Misericordia – Il pellegrinaggio della Fraternità “Piccolo Gregge dell’Immacolata”

 tre giorni della Fraternità “Piccolo Gregge dell’Immacolata” culminati nel pellegrinaggio giubilare al Santuario della Madre dell’Elemosina.

Redazione SME

778faba3e3dc8c6c6db24b403da494ae_XLSono stati giorni di intensa spiritualità a Biancavilla, nell’ambito del Giubileo straordinario della Misericordia, per i gruppi ecclesiali facenti capo alla Fraternità “Piccolo Gregge dell’Immacolata”, guidata dal messinese P. Carmelo Barbera. Nei giorni 15 e 16 gennaio, la fraternità ha dato vita ad un’esperienza di adorazione eucaristica e missione territoriale, rivolta soprattutto ai giovani che _DSC0300frequentano nei fine settimana i pub e gli altri luoghi di ritrovo dei giovani biancavillesi e del comprensorio. Per due serate consecutive, a partire dalle ore 22, alcuni giovani della fraternità insieme ad altri membri consacrati, hanno ricevuto da P. Carmelo il “mandato missionario” di annunciare il Signore Gesù per le vie della città. Ai giovani che accoglievano l’invito ad entrare in Santuario era offerta l’esperienza dell’incontro con Santissima Eucaristia, _DSC0347e la possibilità di accostarsi al sacramento della Riconciliazione. Le serate sono state “illuminate” dai ceri che i giovani accendevano all’ingresso della chiesa e che poi deponevano all’altare, ai piedi del SS.mo Sacramento.
Domenica 17, il culmine della manifestazione religiosa, con il pellegrinaggio giubilare al Santuario Mariano biancavillese dei vari gruppi siciliani appartenenti alla fraternità (dalla provincia di Catania, Palermo e di Messina), giunti in città sfidando anche l’insolita neve. Dalla chiesa del SS.mo Rosario, luogo della “Statio”, attraversando processionalmente piazza Roma, i fedeli hanno varcato la porta maggiore della Basilica, giungendo in preghiera ai piedi dell’altare della Vergine dell’Elemosina dove hanno recitato le preghiere per l’indulgenza plenaria, seguite poi dalla corale partecipazione all’Eucaristia. Nell’omelia, commentando il Vangelo delle Nozze di Cana, P. Barbera ha evidenziato e _DSC0551spiegato come solo Gesù può donarci il “vino nuovo” che sorprende tutti. Ma per gustare il “vino nuovo” è necessario dover vivere l’esperienza dell’amore vero, che è davvero l’impronta di Dio con l’uomo. In questo è presente anche Maria, la madre di Gesù che è stata donata al credente; ella è davvero guida sicura e maestra, che accompagna e indica cosa fare. Maria, dice ancora oggi all’uomo stanco e ferito: _DSC0559“Guarda al mio Figlio Gesù, ascoltalo, parla con Lui. Non avere paura! Lui ti insegnerà a seguirlo per testimoniarlo nelle grandi e piccole azioni della vita, nei rapporti di famiglia, nel lavoro, nei momenti di festa; ti insegnerà ad uscire dall’egoismo, per guardare agli altri con amore, come Lui che non a parole, ma con i fatti, ha amato e ama sempre! Fidiamoci dunque della Madre della Divina Misericordia – ha concluso P. Carmelo – che ancora oggi dice: Qualsiasi cosa dica, fatela”.

_DSC0725

11 febbraio 2016: Il Giubileo degli ammalati a Biancavilla

Biancavilla come una piccola Lourdes. Mobilitate le associazioni di volontariato che forniscono assistenza ad ammalati e disabili.

Redazione SME

Giovedì 11 febbraio, 158° Anniversario delle apparizioni della Beata Vergine Maria a Lourdes, in occasione della XXV Giornata Mondiale del Malato,  si celebra a Biancavilla il Giubileo degli ammalati.

Mater Misericordiae - Santuario Lourdes

Per l’occasione, sono invitati al Santuario della Madonna dell’Elemosina gli ammalati, le persone con disabilità e gli anziani più in difficoltà,  con l’assistenza delle numerose realtà di volontariato e delle strutture sanitarie competenti del territorio: Opera Cenacolo “Cristo Re” di Biancavilla, Associazione “J. F. Kennedy” di Adrano, Fraternite di Misericordia di Adrano e S. M. di Licodia, UNITALSI di Adrano, Associazioni “Inseme”, “CittAccessibile”, “Volontari Ospedalieri Italiani” di Biancavilla e “Inseparabili” di Adrano. All’appuntamento sono invitati anche gli ammalati assistiti dai Ministri straordinari della Comunione delle varie parrocchie cittadine.

L’accoglienza avrà inizio a partire dalle ore 18.

Alle 18,30 si svolgerà la Celebrazione Eucaristica, presieduta da S. E. l’Arcivescovo Mons. Alfio RAPISARDA, già Nunzio Apostolico in Portogallo e animata dalla Corale “S. Francesco” dei Cappuccini di Adrano.

Al termine della S. Messa si svolgerà una breve processione aux flambeaux con l’Icona della Madonna dell’Elemosina nelle piazza antistanti la Basilica.

A conclusione della serata verrà impartita la benedizione eucaristica su ciascuno degli ammalati presenti.

In occasione della speciale celebrazione eucaristica dell’11 febbraio 2016, verrà ufficializzata l’AFFILIAZIONE del Santuario di Biancavilla al Santuario Internazionale di N. S. di Lourdes (Francia). L’affiliazione esprime la comunione spirituale e di preghiera tra le due realtà mariane per estendere anche ai fedeli che si riuniscono presso il Santuario Mariano di Biancavilla le grazie soprannaturali e i benefici spirituali che la Madre di Dio dispensa per sua intercessione.

Si segnala inoltre, che, in occasione dell’Anno Santo della Misericordia, il Santuario di Lourdes ha scelto di utilizzare il LOGO MARIANO del Santuario di Biancavilla, elaborato sui lineamenti della Madonna dell’Elemosina, Madre della Misericordia.

Ulteriori iniziative sono in programma per sottolineare ulteriormente la Giornata Mondiale del Malato e per riflettere più in profondità sul significato di una delle opera di misericordia corporale più significative: VISITARE GLI INFERMI.

manifesto giubileo ammalati

“A DIFESA DEI PIÙ DEBOLI”

Mario Adinolfi a Biancavilla per la 251ma tappa del tour “Voglio la mamma”.

Redazione SME
“Ad oggi, un essere umano è sempre nato da un uomo e una donna”.
Attorno a questo dato di natura Mario Adinolfi ha incentrato il suo intervento lunedì scorso a Biancavilla nella Basilica Santuario di Santa Maria dell’Elemosina. Mario Adinolfi, giornalista e scrittore, famoso anche per essere tra i fondatori del Partito Democratico, direttore del quotidiano “La Crocre”, autore del libro “Voglio la mamma” e responsabile del Comitato “Difendiamo i nostri figli” è giunto a Biancavilla su invito dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” nell’ambito delle iniziative per il Giubileo della Misericordia.
Nel corso della serata, che ha visto la presenza di molte famiglie e gruppi provenienti da varie parti della Diocesi di Catania (con una piccola delegazione anche da Caltanissetta), Adinolfi ha parlato di utero in affitto, eutanasia, aborto e matrimonio omosessuale.
Insieme a lui, sono intervenuti Alessandro Scaccianoce, moderatore dell’incontro, don Salvatore Bucolo, Responsabile di Pastorale Familiare dell’Arcidiocesi di Catania, don Agrippino Salerno, Prevosto-Parroco della Basilica, e la giornalista Giuliana Avila Di Stefano.
adonolfi6
Adinolfi ha sottolineato la necessità di conoscere la legge Cirinnà, che il 28 gennaio sarà posta in  votazione al Senato, “un tentativo pericoloso di far diventare innaturale e obsoleto ciò che è naturale, introducendo il principio della nascita come prodotto chimico e da supermercato.
Quando si parla di nuovi diritti – ha precisato – occore tenere presente innanzitutto le posizioni dei più deboli, piuttosto che i capricci dei ricchi di turno. Questa è la battaglia che vorrei fosse condivisa dalla sinistra italiana”.
“I figli non si comprano” ha chiosato Adinolfi, citando il personaggio di Filomena Marturano di Edoardo De Filippo: “Se riduciamo l’uomo a cosa, una cosa che può essere comprata e venduta, non c’è spazio per errori di fabbrica e non c’è spazio per prodotti che non servono più, come attestano purtroppo episodi raccapriccianti di nascite sbagliate e figli rigettati perché nati con caratteristiche diverse da quelle contrattualmente stabilite.
La legge, poi, crea il costume, come testimoniano i numeri in fortissima crescita dei suicidi assistiti in Olanda”. adonolfi12
Dopo l’intervento del giornalista romano, si è sviluppato un articolato dibattito tra i presenti in cui si è evidenziata la chiara volontà di non essere contro nessuno, tantomeno contro le scelte e gli orientamenti sessuali di alcuno.
Le posizioni dello stilista Dolce, ad esempio, allineate su questi temi, sono conferma del fatto che su argomenti di “natura” è possibile trovare un largo consenso indipendentemente dalle scelte e dal vissuto personale. Perché dinanzi a un bambino che grida il suo bisogno di una mamma al cui seno potersi stringere, non ci sono barriere o ideologie che tengano.

IL NATALE DEL GIUBILEO A BIANCAVILLA: Comunicato Stampa

Mater Misericordiae - Logo giubileo della MisericordiaMentre si spalancano le porte della misericordia in tutto il mondo, entrano nel vivo le celebrazioni giubilari. Nel Santuario Giubilare della Madonna dell’Elemosina di Biancavilla, dopo l’inaugurazione di martedì scorso, che ha visto una grande partecipazione di fedeli riuniti intorno alla Vergine della Misericordia, un articolato calendario di iniziative spirituali e culturali è previsto per il tempo di Natale: appuntamenti che sfociano in gesti concreti di carità.

Redazione SME

“GLORIA IN CIELO” e “PACE SULLA TERRA”: il canto degli angeli della notte di Natale ispira due grandi eventi musicali in Basilica alle 19,30:

Lunedì 21 dicembre il Concerto dell’Orchestra e del Coro della Scuola “L. Sturzo” di Biancavilla.

Sabato 26 dicembre la Prima Rassegna di Corali etnee, che vedrà la partecipazione di 6 gruppi vocali (da Adrano, Pedara, Aci S. Antonio e Biancavilla) per un Gran Concerto di Natale sul tema della Pace (nel corso della serata verrà effettuata una raccolta di solidarietà a favore delle famiglie bisognose).

manifesto concerto natale

Lunedì 28 dicembre, nella calda atmosfera del Natale, una proposta culturale per riflettere sui temi che riguardano la famiglia: un incontro-dibattito sul tema “La famiglia nel disegno di Dio” con il giornalista Mario Adinolfi, autore del libro “Voglio la Mamma” e responsabile del comitato “Difendiamo i nostri figli”. La serata verrà introdotta da Don Salvatore Bucolo, Responsabile di Pastorale Familiare della Diocesi di Catania. Un’occasione per prendere coscienza delle sfide culturali del nostro tempo. In Basilica a partire dalle 18,30.

manifesto adinolfi

Tra le varie celebrazioni liturgiche di questo periodo si segnala:

Mercoledì 23 dicembre alle 19,30 la liturgia penitenziale per le confessioni in preparazione al Natale;

Domenica 27 dicembre la benedizione delle famiglie, nel corso della Messa per la festa della S. Famiglia, con i canti del Coro di voci bianche “Angeli a San Biagio” di Paternò;

Giovedì 31 dicembre alle 18,30 i Vespri e il Te Deum di fine anno;

Venerdì 1 gennaio – solennità della Divina Maternità di Maria – in concomitanza con l’apertura della Porta Santa presso la Basilica di Santa Maria Maggiore in Roma, la Comunità di Biancavilla vivrà un momento molto intenso, con una

PROCESSIONE STRAORDINARIA  DELL’ICONA DELLA MADONNA DELL’ELEMOSINA – MADRE DELLA MISERICORDIA

alle 18,30, dalla chiesa del Rosario fino alla Basilica Santuario. Ad animare i canti sarà la prestigiosa Schola Cantorum “Maria SS. Immacolata” di Belpasso. Nel corso della Celebrazione verrà accesa la lampada giubilare, attinta alla fiamma della “Luce della Pace di Betlemme”, proveniente dalla Grotta della Basilica della Natività di Betlemme, che arderà presso la Cappella della Madre di Dio per tutto l’Anno Santo. Al termine della Messa verrà inaugurata la scultura celebrativa del Giubileo della Misericordia, opera dell’artista Dino Cunsolo.

In quello stesso giorno, in comunione col Santuario di Biancavilla, verranno celebrate SS. Messe in varie parti del mondo, dove sono presenti sacerdoti biancavillesi o comunità di origine biancavillese, con la presenza di una riproduzione dell’Icona della Madonna dell’Elemosina:

Per l’Europa:
Abbazia “SS. Salvatore” –  Vaiano, Prato.
Celebra don Marco Locati.
Parrocchia “S. Famiglia” – Quartiere Infrangibile, Piacenza.
Celebra don Angelo Cavanna.
Chiesa “St. Georg” – Nesselröden, Göttingen (Germania).
Celebra don Andreas Braun.
Parrocchia “S. Sebastian Martir” – Mentrida, Toledo (Spagna).
Celebra don Juan Carlos Lopez Martin.
Parrocchia “St. Pius X” – Kingston Upon Thames, Londra (Regno Unito).
Celebra don Julius Otoaye MSP.
Parrocchia Our Lady Immaculate – Tolworth, Londra (Regno Unito).
Celebra don Edward Perera.
Per l’America:
Parrocchia “Cristo Rey” – Virrey del Pino, Buenos Aires (Argentina).
Celebra  don Pablo Papotto.
Per l’Africa:
Cattedrale “St. Joseph” – Ambanja (Madagascar).
Celebra S. E. Mons. Rosario Vella SdB.
Parrocchia Maria SS. Dame des affligés – Mungbere, Wamba (Rep. dem. del Congo).
Celebra don Francesco Laudani.
Per l’Asia – Medio Oriente:
Parrocchia St. Yohanes Rasul – Karachi (Pakistan).
Celebra don Saleh Diego.
Per l’OCEANIA:
Parrocchia “St. Mary’s” – Dandenong, Melbourne (Australia).
Celebra don Declan O’Brien.

 

Sabato 2 gennaio avrà luogo il primo pellegrinaggio giubilare dell’anno, da parte della comunità greco-cattolica di Messina, guidata da Papas Antonio Cucinotta, che alle 18,30 officerà la Divina Liturgia di San Giovanni Crisostomo (un articolato calendario di pellegrinaggi è previsto nel corso dell’anno al Santuario Giubilare della Vergine dell’Elemosina di Biancavilla). Al termine della Liturgia avrà luogo una Conferenza sul tema “Accogliere i pellegrini”, con testimonianze sull’esperienza di accoglienza degli immigrati.

Lo stesso giorno verrà inaugurata la Mostra giubilare dal titolo “Il Volto della Misericordia” che illustrerà mediante icone, pitture e sculture il volto di Cristo nell’arte.

Domenica 3 gennaio alle 19,30 presso il Teatro “La Fenice” si svolgerà la festa per le coppie di sposi che hanno compiuto il 25°, 50° e 60° anniversario di matrimonio, alla presenza del Sindaco e del Prevosto. Alle coppie verrà consegnata in omaggio un’Icona della Madonna dell’Elemosina.

Lunedì 4 gennaio, in mattinata, la Fraternità “Ecco tua Madre” darà vita ad una missione di misericordia dal titolo “Nel pianto conforto” che si svolgerà presso il cimitero cittadino ogni primo lunedì di mese.

A chiudere gli eventi, come da tradizione, la Messa serale dell’Epifania, con i canti del Piccolo coro “S. G. Bosco” del I Circolo didattico di Biancavilla e la processione del Bambinello internamente alla Basilica.

Da segnalare ancora, che dal 16 dicembre al 6 gennaio, per la prima volta in Santuario, nella cornice barocca della Cappella di San Placido, ha luogo una Mostra di presepi da collezione, opera di presepisti locali e maestri cartapestai, dal titolo “La Misericordia si è fatta carne”. Nello stesso periodo, presso l’altare della Madonna dell’Elemosina, è allestito l’Albero della Carità che quest’anno raccoglie beni di prima necessità da destinare alle famiglie bisognose e libri per i detenuti delle carceri catanesi.

Tutte le iniziative sono realizzate dalla Comunità Parrocchiale e dall’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”.

“Se Cristo è la porta – dichiara il Prevosto don Agrippino Salerno – Maria è la chiave che apre questa porta, è colei che spalanca l’abisso dell’amore di Dio per l’uomo. L’Icona della Madonna dell’Elemosina ci sarà da guida in questo Anno Santo, per chiedere a Lei l’elemosina di cui abbiamo bisogno, il Figlio suo Gesù, e imparare alla sua scuola la misericordia vera e autentica. Vogliamo proporre questo messaggio spirituale a tutti i pellegrini che giungeranno nel nostro Santuario. Ad attenderli ci sarà Lei, Maria, pronta a spalancare la porta (il Figlio suo Gesù) che dà accesso al cuore di Dio, per offrire a quanti varcheranno questo Luogo Santo la gioia dell’amore di Dio, che sana e guarisce”.

“Il filo conduttore delle varie iniziative in programma per quest’anno – spiega il Presidente dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” Giuseppe Santangelo – è la misericordia: celebrata, contemplata e meditata, per sfociare nell’impegno quotidiano, personale e comunitario, a sostegno di chi si trova in varie situazioni di bisogno. Il Giubileo a Biancavilla, inoltre, è l’occasione per riscoprire la vocazione all’accoglienza della nostra città, perché diventi luogo di misericordia e di vita buona, in cui ogni uomo e ogni donna possa realizzarsi compiutamente in un umanesimo autentico illuminato dal volto di Cristo, il volto della misericordia”.

manifesto programma natale

8 DICEMBRE 2015 – SOLENNITA’ DELL’IMMACOLATA E GIUBILEO

Mater_misericordiae

Martedì 8 dicembre  alle 19,30 in occasione dell’apertura del Giubileo universale, Don PIERO LONGO, Vicario Episcopale per la Pastorale dell’Arcidiocesi di Catania, ci introdurrà al significato spirituale del Giubileo della Misericordia.

Nell’occasione, verrà presentato il programma giubilare per la città di Biancavilla con lo specifico delle numerose iniziative previste per il tempo di Natale.

Alla Madonna dell’Elemosina affidiamo l’Anno Santo che sta per iniziare, perchè ottenga per tutti conversione, grazia e misericordia.