Riuniti con Maria, la Madre di Gesù

DSC_0826
“Pregate la Madonna gli uni per gli altri, fidatevi di Lei, affidatevi a Lei”. Questo il messaggio che ha caratterizzato la 12ª giornata dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”. Sabato 30 agosto i soci hanno rinnovato l’atto di consacrazione alla Madonna, nuovi 10 membri sono stati ammessi nel Sodalizio mariano.  
A celebrare l’Eucaristia è stato l’abate Benedetto Maria Chianetta che ha ricordato la nota preghiera di San Bernardo “Ricordati o piissima Vergine che non si è inteso che nessuno abbia fatto ricorso a Te senza essere esaudito”. Lui stesso, nel corso degli anni ha potuto fare esperienza di questa certezza. “Per tale motivo – ha detto P. Abate – vi esorto a ricorrere con fiducia alla Madonna. Lei ci vuole bene, Lei vuole il nostro bene. E ci vuole tutti in Paradiso! “.

All’inizio della celebrazione, il Presidente dell’Associazione “S.M.E.” Giuseppe Santangelo, nel suo saluto rivolto ai Soci, ha ricordato l’importanza dell’Amicizia Spirituale e della vita di fede condivisa con tanti fratelli e sorelle.
Dopo la Messa ha avuto luogo la Cantata alla Madonna dell’Elemosina, con le più belle arie mariane di musica classica eseguite dal Tenore Pietro Leanza e dal Soprano Rosaria Distefano, accompagnati all’organo da Vincenzo Benina e al flauto da Giulia Ventura. 
Nel corso della cantata anche l’esecuzione di alcuni inni alla Madonna dell’Elemosina eseguiti da Giuseppe Marchese e da Giovanna Fallica.
A chiudere la serata è stata l’agape fraterna dei Soci.
DSC_0937

Maria ascolta e soccorre i suoi figli

Martedì 26 agosto si è rinnovato l’appuntamento di preghiera per gli ammalati e i sofferenti nel contesto delle celebrazioni mariane di agosto. 
La Santa Messa è stata celebrata da don Antonino Sapuppo, e animata dai membri biancavillesi del Rinnovamento nello Spirto a cui si sono aggiunti i coristi diocesani del Movimento carismatico.  
Un’intensa preghiera di guarigione è stata formulata dopo la Messa.
Alle celebrazione hanno preso parte anche le Fraternite di Misericordia di Adrano e S. Maria di Licodia.
Ai responsabili dei gruppi intervenuti la parrocchia e l’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” hanno donato una riproduzione dell’icona della Madonna dell’Elemosina. A tutti i presenti, inoltre, è stata offerta un’immagine ricordo.

La famiglia prega insieme con Maria

Domenica 24 agosto la grande famiglia dei figli di Dio si è ritrovata unita con Maria attorno all’altare del Signore nel terzo giorno del Novenario in preparazione alla Festa della Madre di Dio dell’Elemosina. A presiedere l’Eucaristia è stato don Antonino Tomasello, già Prevosto della Collegiata di Biancavilla, in un clima di affetto e di sincera comunione con il Prevosto Salerno e i tanti ritrovati parrocchiani.
“Le potenze degli inferi non prevarranno sulla famiglia; – ha detto p. Tomasello, parafrasando il Vangelo del giorno – gli sforzi dell’uomo non potranno distruggere il disegno originario di Dio sulla  famiglia”. Don Antonino ha ricordato anche il prossimo Sinodo sulla famiglia, che si svolgerà a ottobre per affrontare le nuove sfide pastorali che riguardano la pastorale familiare. “Come comunità cristiana – ha detto richiamando un tema caro a Papa Francesco – abbiamo il dovere di riscoprire l’accoglienza verso chi vive situazioni irregolari. La misericordia deve essere il tema di fondo di ogni nostra azione, senza giudizi ed esclusioni”. 
Commentando il brano del Vangelo della professione di fede di san Pietro, ha ricordato che nella Chiesa ogni potere va inteso come servizio. Ogni azione nostra si fonda sulla roccia della fede, non sul merito delle nostre azioni umane. 
Dopo l’omelia, le coppie presenti hanno rinnovato le promesse matrimoniali compiendo l’atto di affidamento alla Madonna dell’Elemosina. 
I canti della Messa sono stati animati dalla Corale polifonica di Cristo Re, diretta da Giuseppe Mignemi, che ha eseguito un repertorio solenne, molto apprezzato dai fedeli.
Un’Icona della Vergine dell’Elemosina è stata offerta dal Prevosto Salerno a P. Tomasello e alla corale intervenuta.

Notte di luce sotto lo sguardo di Maria

DSC_0327Testimonianza e missione hanno caratterizzato la seconda giornata del Novenario in preparazione alla Festa Grande in onore della Madonna dell’Elemosina.
Nel corso della Messa, ieri una coppia di giovani sposi ha raccontato la propria testimonianza di missione in Cina. L’annuncio cristiano è preceduto dalla carità fraterna, hanno detto, spiegando come l’amore disinteressato dei missionari è stata la breccia che ha aperto il cuore di tanti cinesi all’ascolto del Vangelo. Anche una giovane ragazza del “GAM” (Gioventù Ardente Mariana) ha raccontato la sua gioia di portare l’amore di Dio in mezzo ai giovani, con semplicità e vicinanza umana alle diverse situazioni di bisogno.
DSC_0330
La gioia dell’annuncio del Vangelo illumina la vita: ne hanno fatto esperienza i giovani missionari del GAM che nella tarda serata di ieri, poi, hanno dato vita ad una intensa notte di preghiera e di evangelizzazione. Oltre 20 giovani, provenienti da Linguaglossa, Acireale e Catania, facenti parte del movimento missionario di ispirazione mariana, dopo un momento di preghiera in Santuario, sono scesi tra le piazze di Biancavilla che brulicavano di ragazzi, invitandoli ad entrare in chiesa per un momento di preghiera.
Centinaia di ragazzi hanno accolto l’invito dei missionari, varcando la soglia della “casa di Maria”. In Basilica i giovani sono stati invitati a scrivere su un foglio un’intenzione di preghiera che hanno deposto ai piedi dell’altare, insieme ad un lumino acceso, fermandosi in ginocchio davanti a Gesù Eucaristia.DSC_0365
Diversi ragazzi si sono accostati al Sacramento della confessione. 
All’uscita ciascuno ha icevuto un bigliettino con una frase del Vangelo. 
L’iniziativa di evangelizzazione si è protratta oltre la mezzanotte, per l’elevato numero di affluenze.
La benedizione eucaristica ha concluso la notte missionaria della Grande Festa Estiva.

Apertura del novenario

DSC_0302
Ieri l’apertura del novenario con la famiglia francescana di Biancavilla guidata dal Rev. P. Antonio M. Vitanza, guardiano del Convento S. Francesco, con i PP. Arcangelo Sciurba e Umberto Napoli, l’OFS e la Gi.Fra. Nella sua omelia P. Antonio ha sottolineato la luminosità dell’umanità di Maria, donna che ascolta e che si mette in cammino.DSC_0269
 
Una forte preghiera di intercessione si è innalzata nel corso della Messa per i cristiani perseguitati.
Una comunità orante e partecipe ha sostenuto la preghiera del primo giorno della Novena.
 
 
Ad aprire le celebrazione la devota e sentita traslazione dell’Icona della Madonna dell’Elemosina, prelevata dal suo altare, che ha riabbracciato i fedeli con la bellezza indicibile del suo sguardo.
 
 
 
Al termine della Messa P. Antonio ha ricordato anche la Comunità delle monache clarisse di Biancavilla unite spiritualmente al pellegrinaggio della famiglia francescana.
Il prevosto Salerno ha ringraziato i fedeli intervenuti e ha donato una riproduzione della Madonna dell’Elemosina per il Convento.
 
Nel corso della serata anche l’intervento straordinario del M° Andrea Carradori, che ha eseguito l’inno da lui composto in onore della Madonna di Biancavilla.