Rosina Petralia si è addormentata nella pace di Cristo

“Le anime dei giusti, sono nelle mani di Dio,
nessun tormento le toccherà”
Sap 3,1

Oggi, mercoledì 4 Luglio
è tornata alla Casa del Padre
la Sig.ra ROSINA PETRALIA, vedova De Pasquale

 membro dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” dall’agosto 2003. 

Il Presidente, il Consiglio Direttivo, i Fedeli associati
ricordano con affetto la sua gentile e discreta presenza in seno alla famiglia associativa, e testimoniano la sua sincera devozione alla Madonna dell’Elemosina.
Fiduciosi nella Misericordia di Dio, elevano al Signore preghiere di suffragio per la sua anima.

 Rosina, siamo certi nella speranza cristiana, contempla già il volto del Signore Gesù.
La luce della fede che ha illuminato i suoi passi su questa terra, la guidi alla Meta Celeste ricevendo la corona incorruttibile di Gloria.

La S. Messa e il Rito esequiale avranno luogo domani,
Giovedì 5 Luglio alle ore 18,00
presso la Basilica Santuario di S. Maria dell’Elemosina.

L’Associazione Mariana la ricorderà con una S. Messa celebrata in Suo suffragio Sabato 4 Agosto p.v., primo sabato di mese, presso la stessa Basilica. 

 Requiem aeternam dona ei Domine,
et Lux perpetua luceat ei.
Requiescat in pace.

Anna, Anima bella

“Vieni, vergine saggia e prudente, entra nella gloria del tuo Signore”

Dopo una lunga sofferenza ha concluso il suo pellegrinaggio terreno Anna Marcellino. Una donna che ha consacrato la sua vita al Signore, Anna ha trascorso la sua vita tra la preghiera e l’azione, nella Compagnia di Sant’Orsola. L’educazione dei ragazzi e l’ardore per l’evangelizzazione sono stati al centro del suo impegno cristiano. Per lunghi anni è stata la direttrice della scuola cattolica “S. Angela Merici” alla Badìa. Con il suo talento e la sua determinazione ha dimostrato di essere antesignana dell’autentica emancipazione femminile nella società e nella Chiesa, proprio sull’esempio di Angela Merici, che nel 1500 fondò la Compagnia di Sant’Orsola, proponendo una via di consacrazione verginale alternativa al convento e al monastero.

La ricordiamo per il suo sorriso e per le sue parole sempre gentili. Nella parrocchia matrice ha lavorato per anni come catechista e come animatrice di centri d’ascolto, collaborando con i prevosti-parroci Calaciura, Maglia, Tomasello e Salerno. Sposa esemplare del Signore Gesù, ha vissuto la sofferenza con serena rassegnazione e con amore. La sua voce inconfondibile, pacata e dolce, ha animato per anni le Sante Messe in Santuario.

Devota della Madonna dell’Elemosina, ha scelto di far parte dell’Associazione mariana a lei dedicata per continuare la sua testimonianza e il suo impegno a servizio del Regno di Dio.

Tra le sue disposizioni, circa il suo funerale, preparato con fede e lucidità, la volontà di essere recata presso l’altare della Madre dell’Elemosina per il canto dell’inno mariano alla celeste protettrice di Biancavilla e di essere seppellita con lo scapolare dei devoti della Vergine. Grazie, signorina Anna, per la dignità e la bellezza con cui ha vissuto la sua vita consacrata al Signore, grazie per quello che ha insegnato, per il sorriso che ha donato a quanti l’hanno conosciuta. Preghiamo per lei, oggi che è entrata nella casa del suo Signore, dove canterà in eterno la bontà e la misericordia di Dio, che ha instancabilmente testimoniato nella sua esistenza terrena. Alla Compagnia diocesana di sant’Orsola e ai familiari, l’affetto, la preghiera e la vicinanza di tutti i soci dell’Associazione “Maria Ss. dell’Elemosina”. La camera ardente è stata allestita stamattina presso la chiesa del Purgatorio. I funerali si svolgeranno domani, martedì 15 maggio, presso la Basilica Santuario di S. Maria dell’Elemosina alle ore 16.00. La salma verrà tumulata nella monumentale Cappella delle Orsoline al Cimitero civico biancavillese.  

Il messaggio del Papa per la Quaresima

«Per il dilagare dell’iniquità, si raffredderà l’amore di molti» (Mt 24,12)

Ha per tema un versetto tratto dal Vangelo di Matteo “Per il dilagare dell’iniquità, si raffredderà l’amore di molti” il Messaggio di papa Francesco per la Quaresima 2018. Il Santo Padre mette in guardia da «alcuni falsi profeti» che «inganneranno molti, tanto da minacciare di spegnere nei cuori la carità che è il centro di tutto il Vangelo». Essi possono essere «incantatori di serpenti» che «approfittano delle emozioni umane per rendere schiave le persone e portarle dove vogliono loro», afferma il Papa. Oppure possono essere «ciarlatani» che offrono «soluzioni semplici e immediate alle sofferenze, rimedi che si rivelano però completamente inefficaci: a quanti giovani è offerto il falso rimedio della droga, di relazioni “usa e getta”, di guadagni facili ma disonesti!». Francesco indica anche ciò che può contribuire a spegnere la carità, il che si traduce in «mancanza di amore». Innanzitutto c’è «l’avidità per il denaro»; poi la «violenza» contro quanto è ritenuto «una minaccia alle nostre “certezze”: il bambino non ancora nato, l’anziano malato, l’ospite di passaggio, lo straniero, ma anche il prossimo che non corrisponde alle nostre attese»; l’incuria del Creato; e nelle comunità ecclesiali i segni di mancanza di carità sono «l’accidia egoista, il pessimismo sterile, la tentazione di isolarsi e di impegnarsi in continue guerre fratricide, la mentalità mondana che induce ad occuparsi solo di ciò che è apparente, riducendo in tal modo l’ardore missionario». Come «dolce rimendio» il Papa propone la preghiera, l’elemosina e il digiuno. 

Tale messaggio che il papa ha donato a tutta la Chiesa sarà meditato nel corso della Conferenza spirituale, organizzata dall’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”, che avrà luogo nella Basilica Santuario di Biancavilla, sabato 3 Marzo p.v., primo sabato di mese, alle ore 19,30, a cura di don Pino Salerno.

Vincenza Sangiorgio si è addormentata nella pace di Cristo

“Le anime dei giusti, sono nelle mani di Dio,
nessun tormento le toccherà”
(Sap 3,1)

Oggi, martedì 27 febbraio
è tornata alla Casa del Padre
la Sig.ra VINCENZA SANGIORGIO
membro dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” dall’agosto 2003

Il Presidente, il Consiglio Direttivo, i Fedeli associati
ricordano con affetto la sua presenza in seno alla famiglia associativa, e testimoniano la sua sincera devozione alla Madonna dell’Elemosina.
Fiduciosi nella Misericordia di Dio, elevano al Signore preghiere di suffragio per la sua anima.

Vincenzina, siamo certi nella speranza cristiana, contempla già il volto del Signore Gesù.
La luce della fede che ha illuminato i suoi passi su questa terra, la guidi alla Meta Celeste ricevendo la corona incorruttibile di Gloria.

La S. Messa e il Rito esequiale avranno luogo domani,
Mercoledì 28 Febbraio alle ore 15,30
presso la Basilica Santuario di S. Maria dell’Elemosina.

L’Associazione Mariana la ricorderà con una S. Messa celebrata in Suo suffragio
Sabato 3 marzo p.v., primo sabato di mese.

Requiem aeternam dona ei Domine,
et Lux perpetua luceat ei.
Requiescat in pace.

Giornata di Fraternità associativa

Ieri, sabato 6 gennaio, Epifanìa del Signore, un nutrito gruppo di fedeli appartenenti all’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” di Biancavilla, ha vissuto una bella ed emozionante giornata di fraternità a Ragusa e Giarratana.
I soci sono partiti in mattinata da piazza Roma, davanti alla Basilica Santuario di S. Maria dell’Elemosina, con pullman turistico. Il viaggio è stato animato da preghiere e canti religiosi.

La prima tappa della giornata è stata Ibla, la storica e barocca borgata della città di Ragusa. Nel bellissimo borgo ibleo, i soci hanno visitato per primo, lungo il corso principale, il portico medievale di S. Giorgio e l’antica chiesa claustrale di S. Giuseppe. Passeggiando per Ibla, i gitanti hanno potuto ammirare anche i vicoli e i caratteristici palazzetti addobbati a tema natalizio.
La visita nel centro barocco è stata molto apprezzata in special modo da quelle persone che, da molti anni non mettevano piede in questo caratteristico quartiere, location sempre più ambita per importanti produzioni cinematografiche.

Dopo la passeggiata mattutina, alle ore 11,00, presso il Duomo di S. Giorgio, hanno assistito alla S. Messa, celebrata dal parroco del luogo don Pietro Floridia che ha pronunziato parole di benvenuto e accoglienza per il gruppo biancavillese. Dopo l’Eucarestia, è stato offerto ai fedeli presenti in chiesa e ai turisti, il canto della tradizionale Novena, con le melodie tipiche biancavillesi, suscitando nei presenti apprezzamento e interesse.

Terminata la Celebrazione eucaristica, il gruppo di Soci si è spostato in pullman a Ragusa superiore, dove è stato ospitato, con calorosa accoglienza, dai Padri Salesiani dell’Istituto “Gesù adolescente”, per condividere fraternamente l’agape.

Dopo la consumazione del pasto, si è ripreso il pullman. Gli associati si sono quindi diretti a Giarratana per ammirare il presepe vivente, motivo principale per il quale è stato programmato il viaggio. Dopo un pò di tempo trascorso in fila per entrare, data la massiccia affluenza di persone, si è finalmente potuta ammirare la 27ma edizione del Presepe Vivente, realizzato nel quartiere “Cozzo” e più volte premiato come migliore in Italia. Molto bello e dettagliato l’allestimento; curato dagli organizzatori con dovizia di particolari.

Alla fine di questa bella ed emozionante giornata, si è ripreso il pullman per far ritorno a casa, felici e soddisfatti di quanto visto e sperimentato insieme, fraternamente.

Inaugurato il nuovo Anno associativo SME

Redazione SME

Con l’assemblea generale dei Soci di venerdì scorso, si è aperto il nuovo anno associativo dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” di Biancavilla, caratterizzato da due particolari eventi ecclesiali: La riflessione sui temi giovanili, in vista del Sinodo della Chiesa universale su “I Giovani, la fede e il discernimento vocazionale”, e il ricordo del 70° anniversario dell’incoronazione dell’Icona della Vergine SS.ma dell’Elemosina (1948-2018). Sulla base di queste esperienze, è stato allestito e presentato il nuovo calendario associativo e distribuito a tutti gli associati riuniti in Basilica Santuario dopo la celebrazione eucaristica vespertina. Nel corso dell’incontro, verificate anche le molteplici attività svolte durante l’anno 2017 e reso noto il bilancio economico dell’associazione che pur nelle sue modeste somme, risulta essere marcatamente in attivo. Nel suo intervento, l’assistente spirituale, prev. Pino Salerno, ha voluto sottolineare il grande patrimonio spirituale e pastorale che è insito nei Santuari, specie in quelli mariani, come quello biancavillese e al tempo stesso ribadire quanto i documenti della Chiesa tengano a precisare: “Nei Santuari si offrano ai fedeli, con maggior abbondanzai mezzi della salvezza, annunziando con diligenza la parola di Dio, incrementando opportunamente la vita liturgica, soprattutto con la celebrazione dell’Eucarestia e della penitenza, come pure coltivando le sane forme della pietà popolare”. Prima di sciogliere l’assemblea, il presidente Giuseppe Santangelo, ha ricordato gli impegni del periodo natalizio che vedranno impegnata la realtà associativa: 1. Sovvenire ai bisogni di tante famiglie, incrementando l’ormai consolidata iniziativa “Albero della carità”, deponendo ai piedi di esso, generi alimentari e materiale scolastico. 2. Visita ai Soci ammalati ed anziani, ed in genere a chi, vicino o parente è impossibilitato ad uscire di casa. 3. Animazione della S. Messa del primo giorno dell’anno, solennità di Maria SS.ma Madre di Dio, con al termine, brindisi augurale presso i locali della Basilica. 4. Giornata di fraternità a Ragusa e visita del presepe vivente di Giarratana (Rg) il prossimo 6 gennaio.

Giornata di Fraternità

Pag. 112345...Ultima »