Presso le Clarisse di Biancavilla un pomeriggio di riflessione sulla santità quotidiana a partire dall’esperienza di Maria Chiara Mangiacavallo. Presenti i suoi familiari.

Nella II Domenica di Quaresima i membri dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” insieme con l’Azione Cattolica della Parrocchia “Sacro Cuore di Gesù” di Biancavilla, si sono ritrovati nella Chiesa del Monastero delle Clarisse per vivere un’esperienza di Ritiro spirituale in preparazione alla Pasqua.

Ad introdurre il pomeriggio è stato don Ambrogio Monforte con una meditazione sulla lettera di Papa Francesco sulla santità “Gaudete et exultate”, che invita tutti i cristiani a riscoprire la bellezza della santità.

A seguire, sono stati proposti alcuni video e testimonianze dei familiari di Maria Chiara Mangiacavallo, la giovanissima siciliana scomparsa nel 2015 dopo una malattia vissuta con mirabile adesione a Cristo. Nel suo testamento spirituale Maria Chiara, scrive: “Lascio a tutti quelli che leggeranno questo testamento la speranza, la speranza di godere della vita eterna, sia qui sulla terra che in cielo. Quella speranza che racchiude in sé la gioia, la pace e l’amore. Non perdete tempo a pensare a cose superflue e senza senso, vivete ORA e ADESSO con Dio e solo così, pian piano, capirete quanto è bello vivere l’ORA e l’ADESSO per Lui”.

Concluse le toccanti testimonianze, ha avuto luogo l’esposizione eucaristica  con l’adorazione e la celebrazione dei Vespri.